Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

lunedì 30 novembre 2015

Lunedì 30 Novembre Sant'Andrea

Dal Vangelo secondo Matteo


In quel tempo, mentre camminava lungo il mare di Galilea, Gesù vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. E disse loro: «Venite dietro a me, vi farò pescatori di uomini». Ed essi subito lasciarono le reti e lo seguirono. 
Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo, figlio di Zebedèo, e Giovanni suo fratello, che nella barca, insieme a Zebedèo loro padre, riparavano le loro reti, e li chiamò. Ed essi subito lasciarono la barca e il loro padre e lo seguirono.




Che bellezza questo brano di Vangelo! è un pozzo senza fondo di consigli, di amore, di pienezza...
Ovviamente si tratta di un Vangelo di Vocazione, come spesso lo chiamiamo, ma non facciamo l'errore di credere che la chiamata riguardi solo i preti o i religiosi e le religiose.
Gesù chiama tutte le donne e gli uomini a seguirlo e a vivere in Lui.
E' magnifico vedere i singoli passaggi che Gesù e/o i dicepoli compiono, indicati  dai verbi nel testo.
Gesù "vide". Non è uno sguardo distratto come il nostro ma profondo ci vede dentro, sa meglio di noi quello che ci abita,ci muove, ci fa soffrire.
Dice ai discepoli "Venite dietro a me". Ci invita a seguirlo e ci indica anche l'unico modo possibile per farlo: stare dietro. Quante volte invece abbiamo la tentazione di guidare noi la strada, di andare dove diciamo noi?.
I discepoli "lasciarono e seguirono". Ci insegnano anche loro la modalità della sequela, lasciano e seguono, non è possibile seguire Gesù portandosi dietro tutto quello che ci abita, bisogna lasciare le nostre paure, le nostre incertezze, le sofferenze sarà proprio Lui a curarle perchè darà ad esse ed a noi un nuovo significato. 
E la cosa bella è che lasciano e seguono subito, senza indugio non perchè fossero già dei grandi santi, erano uomini semplici, dei pescatori, ma a muoverli è Gesù, hanno capito che Colui che li chiama non è un maestro qualunque, lo hanno capito perchè si sento amati totalmente.
Quanto si può meditare su questo brano!
E noi come rispondiamo a questa chiamata del Signore? Ci siamo almeno accorti che ci sta chiamando, ora, proprio in questo momento?
Proviamo a far silenzio ed ascoltare.
Buona settimana a tutti ed auguri a tutti gli Andrea!!

Nessun commento:

Posta un commento