Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

giovedì 10 dicembre 2015

Giovedì 10 Dicembre

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse alle folle: 
«In verità io vi dico: fra i nati da donna non è sorto alcuno più grande di Giovanni il Battista; ma il più piccolo nel regno dei cieli è più grande di lui. 
Dai giorni di Giovanni il Battista fino ad ora, il regno dei cieli subisce violenza e i violenti se ne impadroniscono. 
Tutti i Profeti e la Legge infatti hanno profetato fino a Giovanni. E, se volete comprendere, è lui quell’Elìa che deve venire. 
Chi ha orecchi, ascolti!».





Giovanni Battista è stato messo a  tacere con la forza, perchè la sua parola dava fastidio. Gesù parlando di lui,dice anche che il regno dei cieli subisce violenza. Questo mi ha portato a riflettere su quante volte anche io faccio violenza contro il regno e contro la  Parola. Tutte le volte che anche per me quell'annuncio è scomodo, tocca i miei punti deboli, e mi richiama alla mia incoerenza.
Ed allora penso che il Signore mi chiede (ci chiede) di "convertire" questa violenza, invece che contro la Parola, va diretta proprio contro quelle mie incoerenze, i vizi e le cattive abitudini, che magari non sono nemmeno gravi ma allontanano da Lui e soprattutto chiudono il cuore ai fratelli.
Buona giornata!!!!!

Nessun commento:

Posta un commento