Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 12 dicembre 2015

Sabato 12 Dicembre

Dal Vangelo secondo Matteo

Mentre scendevano dal monte, i discepoli domandarono a Gesù: «Perché dunque gli scribi dicono che prima deve venire Elìa?». 
Ed egli rispose: «Sì, verrà Elìa e ristabilirà ogni cosa. Ma io vi dico: Elìa è già venuto e non l’hanno riconosciuto; anzi, hanno fatto di lui quello che hanno voluto. Così anche il Figlio dell’uomo dovrà soffrire per opera loro». 
Allora i discepoli compresero che egli parlava loro di Giovanni il Battista.



Non l'hanno riconosciuto.
Quante volte rischio di non riconoscere gli eventi, le persone per quello che sono! Oggi ancora una volta Gesù ci mostra che si è incarnato nella storia, non ne è svincolato. Certo che deve tornare Elia, ed è avvenuto ma non ce ne siamo accorti. 
E se non ci siamo accorti della venuta del precursore come potremo riconoscere il Messia?
Capita spesso anche nella mia vita di non riconoscere che il Signore si incarna anche oggi nella mia storia personale, e magari dico pure che mi è distante!
Chiediamo al Signore di darci occhi nuovi per riconoscere la sua venuta, e la sua incarnazione nella nostra storia personale.
Buona domenica a tutti!!

Nessun commento:

Posta un commento