Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 5 dicembre 2015

Sabato 5 Dicembre

Dal Vangelo secondo Matteo


In quel tempo, Gesù percorreva tutte le città e i villaggi, insegnando nelle loro sinagoghe, annunciando il vangelo del Regno e guarendo ogni malattia e ogni infermità.
Vedendo le folle, ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite come pecore che non hanno pastore. Allora disse ai suoi discepoli: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe!».
Chiamati a sé i suoi dodici discepoli, diede loro potere sugli spiriti impuri per scacciarli e guarire ogni malattia e ogni infermità. 
E li inviò ordinando loro: «Rivolgetevi alle pecore perdute della casa d’Israele. Strada facendo, predicate, dicendo che il regno dei cieli è vicino. Guarite gli infermi, risuscitate i morti, purificate i lebbrosi, scacciate i demòni. Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date».




E' bellissimo sentire anche oggi il Signore che dice di provare compassione, ce lo porta vicinissimo e capisce concretamente quali sono i nostri bisogni.
l'impressione è che oggi Gesù ci inviti a pregare per le vocazioni, ed è vero, ma dobbiamo chiarire bene quali vocazioni.
Gesù non chiede di pregare solo perchè qualcuno diventi sacerdote e consacrata/o, il suo "richiamo" vocazionale è più profondo è una chiamata ad essere cristiani autentici, e non è solo per alcuni ma per tutti.
Siamo tutti chiamati ad accogliere e vivere il Vangelo. L'essere cristiani non è un compito affidato a pochi.
Quindi credo che oggi Gesù ci dice con forza,che è giunto il momento di fare la nostra parte, di non tenere le mani in tasca, di farci fratelli, padri, madri per gli altri.
E dice di farlo gratuitamente, non solo in senso economico, ma anche sapendo rinunciare alla gratitudine o al merito.
E' ora di portare il Vangelo (non solo a parole) a tutti, noi a che punto siamo?
Buona domenica!!!!

Nessun commento:

Posta un commento