Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

giovedì 7 gennaio 2016

Giovedi 7 Gennaio

Dal Vangelo secondo Matteo 

In quel tempo, avendo saputo che Giovanni era stato arrestato, Gesù si ritirò nella Galilea
e, lasciata Nazaret, venne ad abitare a Cafarnao, presso il mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali,
perché si adempisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:
Il paese di Zàbulon e il paese di Nèftali, sulla via del mare, al di là del Giordano, Galilea delle genti;
il popolo immerso nelle tenebre ha visto una grande luce; su quelli che dimoravano in terra e ombra di morte una luce si è levata.
Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: «Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino».
Gesù andava attorno per tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe e predicando la buona novella del regno e curando ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.
La sua fama si sparse per tutta la Siria e così condussero a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guariva.
E grandi folle cominciarono a seguirlo dalla Galilea, dalla Decàpoli, da Gerusalemme, dalla Giudea e da oltre il Giordano. 

 


Oggi ci viene mostrata tutta l'universalità del messaggio di Gesù!
Galilea della genti, luogo di mare, incroci di culture, idee, lingue differenti. Gesù dopo aver saputo dell'arresto di Giovanni decide di iniziare il suo annuncio proprio da li, da quel territorio.
Ogni tanto mi viene da pensare, che se Gesù e i discepoli, fossero stati "chiusi", come spesso siamo noi, oggi forse non ci sarebbe il cristianesimo in Europa! Se quegli uomini non avessero portato quella buona notizia a tutti, senza paura dei rischi, e senza esclusioni forse io oggi non sarei cristiano.
Ed io invece? A volte sembra ci vergogniamo a dirci cristiani in pubblico! A volte pensiamo che il cristianesimo sia "cosa solo nostra" e ci chiudiamo in circoli ristretti a pochi eletti. 
Gesù stesso ha fatto l'opposto, non ha "chiuso" il suo messaggio al solo popolo eletto ma è stato luce per tutti gli uomini (anche per questo era contestato dai farisei). 
Noi siamo stati luce per qualcuno? Ma non a parole, con la vita! 
Possiamo, anzi dobbiamo essere luce per chi ci vive accanto.
Buona giornata!!

Nessun commento:

Posta un commento