Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

lunedì 4 gennaio 2016

Lunedì 4 Gennaio

Dal Vangelo secondo Giovanni 

In quel tempo, Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli
e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l'agnello di Dio!».
E i due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.
Gesù allora si voltò e, vedendo che lo seguivano, disse: «Che cercate?». Gli risposero: «Rabbì (che significa maestro), dove abiti?».
Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove abitava e quel giorno si fermarono presso di lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro.
Egli incontrò per primo suo fratello Simone, e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia (che significa il Cristo)»
e lo condusse da Gesù. Gesù, fissando lo sguardo su di lui, disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; ti chiamerai Cefa (che vuol dire Pietro)». 

 


Cosa cerchiamo? Il Signore ce lo chiede chiaramente. Cosa cerchiamo veramente nella nostra vita?
Per cercare, Gesù ci indica che dobbiamo muoverci "venite e vedrete", infatti i discepoli "andarono e videro". Dobbiamo fare così anche noi, agire, altrimenti non risusciremo mai a stare con Cristo realmente e vedere dove abita, e se abita nel nostro cuore.
Se davvero scopriamo che in Gesù c'è tanta bellezza, un amore che ci coinvolge; non possiamo trattenerlo tutto per noi, ma lo vogliamo condividere con gli altri. Vogliamo che anche le altre persone possano provare questa gioia, specialmente quelle a noi più care.
E' quello che fa Andrea, cercando suo fratello Pietro per condividere con lui la gioia dell'aver "trovato il Messia". e Pietro si lascerà coinvolgere talmente tanto da questo amore, da lasciarsi trasformare cambiando nome!
Ed io? Cosa cerco? So condividere? Mi lascio trasformare da questo amore?
Buona settimana!
 

Nessun commento:

Posta un commento