Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 5 gennaio 2016

Martedì 5 Gennaio

Dal Vangelo secondo Giovanni 

In quel tempo, Gesù aveva stabilito di partire per la Galilea; incontrò Filippo e gli disse: «Seguimi».
Filippo era di Betsàida, la città di Andrea e di Pietro.
Filippo incontrò Natanaèle e gli disse: «Abbiamo trovato colui del quale hanno scritto Mosè nella Legge e i Profeti, Gesù, figlio di Giuseppe di Nazaret».
Natanaèle esclamò: «Da Nazaret può mai venire qualcosa di buono?». Filippo gli rispose: «Vieni e vedi».
Gesù intanto, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c'è falsità».
Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto il fico».
Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d'Israele!».
Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto il fico, credi? Vedrai cose maggiori di queste!».
Poi gli disse: «In verità, in verità vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sul Figlio dell'uomo». 

 

Come ieri vediamo un uomo che dopo aver incontrato Gesù sente il desiderio di condividere questa "buona notizia" con gli altri. Filippo, come Pietro, appena vede Natanaele da a lui l'annuncio che gli ha portato gioia.
Anche noi, come Natanaele, a volte rischiamo di non credere, di avere dubbi perchè le cose non sono come le pensiamo o le abbiamo immaginate noi.
Ma la bellezza di questo Gesù che ti conosce più di te stesso, fa crollare tutte le barriere e tutti i muri che abbiamo pre-costruito. Questo annuncio di gioia sconvolge anche la mia vita, e mi fa comprendere che solo nel silenzio, nell'ascolto del Signore posso conoscermi veramente ed oltre ad incontrare Gesù, incontro per la prima volta davvero me stesso.
Buon'epifania!!

2 commenti:

  1. Che bella l'espressione "un israelita in cui non c'è falsità"! Fa pensare a quanto sia importante l'autenticità, la liberazione dalle maschere e dagli schemi che ci opprimono e ingabbiano...

    Grazie fratello, sta diventando per me una piccola abitudine quotidiana leggere il Vangelo e i tuoi brevi commenti... lo consiglierò anche ai ragazzi!

    Ciao e buon epifania

    Lorenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oops orrore ortografico!
      Mi correggo subito: BUON'EPIFANIA (ci sei cascato anche tu!)

      Ciao

      Elimina