Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 13 gennaio 2016

Mercoledì 13 Gennaio

Dal Vangelo secondo Marco 1,29-39

In quel tempo, Gesù uscito dalla sinagoga, si recò subito in casa di Simone e di Andrea, in compagnia di Giacomo e di Giovanni. La suocera di Simone era a letto con la febbre e subito gli parlarono di lei. Egli, accostatosi, la sollevò prendendola per mano; la febbre la lasciò ed essa si mise a servirli.
Venuta la sera, dopo il tramonto del sole, gli portavano tutti i malati e gli indemoniati. Tutta la città era riunita davanti alla porta.
Guarì molti che erano afflitti da varie malattie e scacciò molti demoni; ma non permetteva ai demoni di parlare, perché lo conoscevano.
Al mattino si alzò quando ancora era buio e, uscito di casa, si ritirò in un luogo deserto e là pregava.
Ma Simone e quelli che erano con lui si misero sulle sue tracce e, trovatolo, gli dissero: “Tutti ti cercano!”. Egli disse loro: “Andiamocene altrove per i villaggi vicini, perché io predichi anche là; per questo infatti sono venuto!”
E andò per tutta la Galilea, predicando nelle loro sinagoghe e scacciando i demoni.

 

In quei brani di Vangelo (perchè è una seca che si ripete diverse volte) dove leggo di Gesù che si ritira a pregare, rimango sempre immobile e affascinato.
E' una scena bellissima, Lui che al mattino presto, con il buio, va in luogo deserto  (in greco si dice eremo) per stare da solo col Padre, per avere un colloquio intimo con Lui.
Spesso mi accorgo che cerco mille spunti, riflessioni, sulla preghiera, su come pregare, ma credo che davvero è tutto qui, nel Vangelo, nella preghiera di Gesù.
Pregare non è facile, è una lotta. Contro il corpo che vorrebbe "muoversi", contro la nostra mentalità che oggi è portata a vedere la preghiera come tempo perso. E' una lotta contro noi  stessi, che per non pregare inventiamo scuse e impegni più importanti.
Gesù dopo aver liberato, e riportato alla vita (come nel Vangelo di ieri) degli uomini, e prima di ripartire per annunciare, si ferma a pregare. Lo farà sempre in momenti importanti, come prima di scegliere i discepoli o nel Getsemani prima di morire, ed in altri casi.
Questo mi porta a domandarmi, ed io che rapporto ho con la preghiera? come è la mia preghiera?
Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento