Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 23 gennaio 2016

Sabato 23 Gennaio

Dal Vangelo secondo Marco 3,20-21

In quel tempo, Gesù entrò in una casa e si radunò di nuovo attorno a lui molta folla, al punto che non poteva neppure mettersi a tavola per mangiare qualcosa.
Allora i suoi, sentito questo, uscirono per andare a prenderlo; poiché dicevano: “È fuori di sé”.

 

Non solo scribi e farisei, ma nemmeno le persone a Lui più vicine, i suoi parenti , comprendono Gesù.
E' cosi se si vive un esagerazione d'amore! Gesù è talmente preso dall'amore per i figli di Dio da non mettersi più nemmeno a tavola, non sente il desiderio della fame perchè la sua attenzione è tutta orientata verso chi soffre!.
Questo fa pensare ai suoi parenti che Gesù sia "fuori di sé", è qualcosa di inconcepibile per loro.
E per me? Cosa mi dice vedere un uomo amare con così tanto amore? Mi rendo conto che io sono una di quelle persone che Gesù ama così tanto?
Ma soprattutto sono consapevole che anche io sono chiamato a seguire questo cammino? A cercare di amare così tanto da donare la mia vita per i fratelli, fino all'impensabile, fino alla croce?
Buona domenica!

Nessun commento:

Posta un commento