Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

lunedì 29 febbraio 2016

Lunedì 29 Febbraio

Dal Vangelo secondo Luca 4,24-30.

In quel tempo, giunto Gesù a Nazaret, disse al popolo radunato nella sinagoga: «In verità vi dico: nessun profeta è bene accetto in patria.
Vi dico anche: c'erano molte vedove in Israele al tempo di Elia, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese;
ma a nessuna di esse fu mandato Elia, se non a una vedova in Sarepta di Sidone.
C'erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo, ma nessuno di loro fu risanato se non Naaman, il Siro».
All'udire queste cose, tutti nella sinagoga furono pieni di sdegno;
si levarono, lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte sul quale la loro città era situata, per gettarlo giù dal precipizio.
Ma egli, passando in mezzo a loro, se ne andò. 

 

 

E' l'inizio della predicazione di Gesù, è a Nazaret a casa sua, e vogliono già ucciderlo! Perchè?
Bisogna dire che Gesù qui provoca non poco le persone nella sinagoga, ma non poteva fare altrimenti.
Il dramma dei farisei, degli scribi, ma anche della maggioranza del popolo ebraico era quello di sentirsi una "casta" di puri. Osservavano la legge, attentissimi alle regole, e questo gli faceva credere di essere dei giusti, di possedere la verità.
Poi arriva Gesù e dice (citando episodi che anche loro conoscevano) che Dio ha rivolto la sua benedizione anche agli stranieri, ai pagani, popoli che per loro erano infedeli, impuri.
E come lo dice: "C'erano molti/ tanti in Israele (tra voi puri)... ma nessuno fu risanato se non (uno straniero/impuro)....
Quante volte succede anche oggi questo? Noi ci sentiamo tra i giusti, i puri, quelli apposto. Spesso sentiamo dire anche noi (persino tra i cristiani!!!): prima pensiamo ai "nostri", poi in caso penseremo agli altri.
Molto spesso lo faccio nella mia vita: il pensare prima a me, mi chiude all'altro, quindi mi chiude a Dio.
Non continuiamo a pensare con questi slogan sterili. "Prima pensiamo a noi..." altrimenti, anche noi porteremo Gesù sul ciglio della montagna per gettarlo giù, ma Egli passando in mezzo a noi "puritani" se ne andrà

Buona settimana!

Nessun commento:

Posta un commento