Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 3 febbraio 2016

Mercoledì 3 Febbraio

Dal Vangelo secondo Marco 6,1-6

In quel tempo, Gesù andò nella sua patria e i discepoli lo seguirono.
Venuto il sabato, incominciò a insegnare nella sinagoga. E molti ascoltandolo rimanevano stupiti e dicevano: “Donde gli vengono queste cose? E che sapienza è mai questa che gli è stata data? E questi prodigi compiuti dalle sue mani? Non è costui il carpentiere, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Joses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non stanno qui da noi?”. E si scandalizzavano di lui.
Ma Gesù disse loro: “Un profeta non è disprezzato che nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua”. E non vi poté operare nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi ammalati e li guarì. E si meravigliava della loro incredulità. Gesù percorreva i villaggi, insegnando.

 


Lo scandalo è una pietra d'inciampo lungo il cammino, mentre fila tutto liscio.
Gesù è scandalo per delle persone a lui molto prossime, vicini di casa, amici, conoscenti. Nazaret allora non era certo una metropoli, tra loro si conoscevano tutti e di certo quasi tutti conoscevano Gesù fin da piccolo.
Ora, dopo anni Gesù viene definito uno scandalo per loro, questo a causa delle sue parole e dei prodigi che compie, o forse è a causa dell'idea che loro vogliono avere di Gesù?
Non è così anche nella mia vita?
Mentre fila tutto liscio, penso di "essere apposto", mi ritrovo Lui che scombussola tutti i miei progetti, le mie idee, che diventa pietra d'inciampo in questo mio cammino.
E non riesco a capirlo facilmente, perchè parto dal presupposto di saper già tutto di Lui, per certi versi credo di possederlo!
Proprio il dono di questo scandalo mi permette di vedere l'errore che sto compiendo: imprigionare Dio, o peggio ancora "prendere il suo posto/voler essere come Lui".
Ci capita spesso, magari senza volerlo, ne intenzioni cattive. Però succede.
Devo imparare a non aver paura dello scandalo che Lui porta alla mia vita, anzi devo benedirlo, probabilmente proprio li siamo più vicini del solito!
Buona giornata!!!

Nessun commento:

Posta un commento