Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 20 febbraio 2016

Sabato 20 Gennaio

Dal Vangelo secondo Matteo 5,43-48. 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico;
ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori,
perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti.
Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani?
E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani?
Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste. » 

 

 

Fu detto.... ma io vi dico....
Gesù oggi riprende una regola già presente nel popolo ebraico, una norma che può sembrare logica e giusta anche oggi: amare il mio prossimo ed odiare il nemico.
Però le da un valore nuovo, la amplifica all'infinito, mi dice: non basta amare il tuo prossimo, ma ama anche il tuo nemico! E questo umanamente mi appare molto meno logico! 
Come posso amare il nemico, chi mi perseguita! 
Questa è la logica di Gesù, che è completamente ribaltata rispetto alla mia.
Non è, però, un'idea astratta, solo a parole, che  Gesù ha detto per fare colpo. No è molto di più è una norma che parte da una vita vissuta: la sua. Lui stesso ha fatto questo quand'era in croce, nel momento più difficile e doloroso della sua vita terrena.
Quindi dandomi l'esempio, vuol dirmi che non è impossibile da vivere quest'amore per i nemici. Non dice che è facile, ma mi dice che lo posso vivere e mi dice anche come: stando unito al Padre e guardando a Lui (siate come il Padre vostro celeste).
Quello che mi chiede oggi Gesù è qualcosa che umanamente non sarebbe nemmeno pensabile, infatti non è un concetto inventato dall'uomo, ma che solo Dio poteva indicare; è qualcosa che se fosse vissuto trasformerebbe radicalmente il mondo. Porterebbe oltre la logica dell'occhio per occhio, oltre la guerra, oltre le morti.
Signore donami la forza di iniziare il cammino che mi porti ad amare i miei nemici ed a pregare per chi mi perseguita. Come hai fatto tu.

Buon fine settimana!!!

Nessun commento:

Posta un commento