Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

giovedì 31 marzo 2016

Giovedì 31 Marzo

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 24,35-48.

In quel tempo, di ritorno da Emmaus, i due discepoli riferirono ciò che era accaduto lungo la via e come avevano riconosciuto Gesù nello spezzare il pane.
Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona apparve in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!».
Stupiti e spaventati credevano di vedere un fantasma.
Ma egli disse: «Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore?
Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa come vedete che io ho».
Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi.
Ma poiché per la grande gioia ancora non credevano ed erano stupefatti, disse: «Avete qui qualche cosa da mangiare?».
Gli offrirono una porzione di pesce arrostito;
egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.
Poi disse: «Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi».
Allora aprì loro la mente all'intelligenza delle Scritture e disse:
«Così sta scritto: il Cristo dovrà patire e risuscitare dai morti il terzo giorno
e nel suo nome saranno predicati a tutte le genti la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme.
Di questo voi siete testimoni. 

 

 

 

Me li immagino facilmente i discepoli, in questi momenti, avvolti e scovolti dalle emozioni!
La gioia perchè il loro Signore è risorto, ma anche la paura, il dubbio che sia un illusione, qualcosa di impossibile!
Li immagino perchè anche a me succede spesso! 
E c'è davvero bisogno che arriv Gesù, e mi porga il suo saluto più bello, più dolce: "Pace a voi".
Solo Lui può donarci quella pace di cui abbiamo bisogno, per frenare tutte queste emozioni e lasciarci accogliere, lasciarci abbracciare.
E riparte con i discepoli da quell'ultimo momento di gioia vissuto assieme: un pasto, insieme attorno ad un tavolo.
E qui spiega loro le Scritture ed il senso di tutto quello che è avvenuto in quei giorni. Non è stata una fine, come temevano, ma l'inizio ed ora Lui è ancora qui!
E la  Pace è in mezzo a loro, in mezzo a noi.

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento