Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 15 marzo 2016

Martedì 15 Marzo

Dal Vangelo secondo Giovanni 8,21-30.

In quel tempo, Gesù disse ai farisei: «Io vado e voi mi cercherete, ma morirete nel vostro peccato. Dove vado io, voi non potete venire».
Dicevano allora i Giudei: «Forse si ucciderà, dal momento che dice: Dove vado io, voi non potete venire?».
E diceva loro: «Voi siete di quaggiù, io sono di lassù; voi siete di questo mondo, io non sono di questo mondo.
Vi ho detto che morirete nei vostri peccati; se infatti non credete che io sono, morirete nei vostri peccati».
Gli dissero allora: «Tu chi sei?». Gesù disse loro: «Proprio ciò che vi dico.
Avrei molte cose da dire e da giudicare sul vostro conto; ma colui che mi ha mandato è veritiero, ed io dico al mondo le cose che ho udito da lui».
Non capirono che egli parlava loro del Padre.
Disse allora Gesù: «Quando avrete innalzato il Figlio dell'uomo, allora saprete che Io Sono e non faccio nulla da me stesso, ma come mi ha insegnato il Padre, così io parlo.
Colui che mi ha mandato è con me e non mi ha lasciato solo, perché io faccio sempre le cose che gli sono gradite».
A queste sue parole, molti credettero in lui. 

 

 

 

 

 

I farisei proprio non riescono a capre chi sia Gesù!
Più volte ormai hanno chiesto "Tu chi sei?". Gesù risponde ma loro non vogliono capire.
Quello che risponde nel Vangelo di oggi è profondamente importante per la fede, sono le fondamenta che sostengono tutta la sua testimonianza.
Proprio per il fatto che viene dal Padre e quello che annuncia non è una sua invenzione, può dire di non essere lasciato solo.
Non lo è mai stato e non lo sarà mai, nemmeno nel momento peggiore sulla croce.
Anzi proprio dopo la sua morte si manifesterà con la resurrezione la sua provenienza dal Padre.
Se fosse stato un semplice uomo, con delle idee belle ma personali, non sarebbe mai risorto.
Se tutto si fosse concluso con la croce (come pensavano i due discepoli di Emmaus), sarebbe stata tutta un illusione!
Come dice San Paolo "Se Cristo non è risorto vana è la nostra fede".
Proprio da questo passaggio fondamentale passa tutta la nostra fede. 
E' la sua resurrezione che mi aiuta a rispondere alla domanda "Tu chi sei?"
Ed ho bisogno di rispondere giorno per giorno per confermarmi nella fede.
Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento