Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 11 marzo 2016

Venerdì 11 Marzo

Dal Vangelo secondo Giovanni 7,1-2.10.25-30.

In quel tempo, Gesù se ne andava per la Galilea; infatti non voleva più andare per la Giudea, perché i Giudei cercavano di ucciderlo.

Si avvicinava intanto la festa dei Giudei, detta delle Capanne;

Ma andati i suoi fratelli alla festa, allora vi andò anche lui; non apertamente però: di nascosto.

Intanto alcuni di Gerusalemme dicevano: «Non è costui quello che cercano di uccidere?

Ecco, egli parla liberamente, e non gli dicono niente. Che forse i capi abbiano riconosciuto davvero che egli è il Cristo?

Ma costui sappiamo di dov'è; il Cristo invece, quando verrà, nessuno saprà di dove sia».

Gesù allora, mentre insegnava nel tempio, esclamò: «Certo, voi mi conoscete e sapete di dove sono. Eppure io non sono venuto da me e chi mi ha mandato è veritiero, e voi non lo conoscete.

Io però lo conosco, perché vengo da lui ed egli mi ha mandato».

Allora cercarono di arrestarlo, ma nessuno riuscì a mettergli le mani addosso, perché non era ancora giunta la sua ora. 

 

 

 

"Voi mi conoscete e sapete di dove sono".
Spesso credo di sapere già chi è Gesù, di conoscerlo e corro il rischio di chiudermi.
Mi chiudo alla perenne novità che porta alla mia vita! 
E' davvero tanto facile chiudere Cristo, in degli schemi, in un insieme di "cose" da fare per essere simile a lui; e di conseguenza rischio di essere incapace di ascoltarlo davvero avendo la presunzione di sapere già tutto.
Quanta tristezza mi da il vedere che spesso anche noi nella Chiesa, specialmente tra i religiosi, ci mettiamo nella  posizione di quelli che sanno già tutto, che ormai Dio lo conosciamo ed al massimo lo possiamo insegnare agli altri, ma noi non abbiamo più nulla da imparare!
Questa idea poi ci porta sempre a dividere il mondo in due: i giusti e gli sbagliati. E noi "ovviamente" siamo sempre dalla parte dei giusti, sempre sulla difensiva.
Per conoscere davvero Gesù Cristo servirebbe una cosa fondamentale: Fare silenzio e contemplare.
 Solo cosi potremo ascoltare davvero la sua Parola.

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento