Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 4 marzo 2016

Venerdì 4 Marzo

Dal Vangelo secondo Marco 12,28b-34.

In quel tempo, si accostò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?».
Gesù rispose: «Il primo è: Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l'unico Signore;
amerai dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza.
E il secondo è questo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c'è altro comandamento più importante di questi».
Allora lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità che Egli è unico e non v'è altri all'infuori di lui;
amarlo con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso val più di tutti gli olocausti e i sacrifici».
Gesù, vedendo che aveva risposto saggiamente, gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo. 

 



Nella Parola di oggi si vede molto bene quello che Gesù ci diceva qualche giorno fa: "Non sono venuto ad abolire la legge, ma a dare pieno compimento".
La risposta che da allo scriba, non è nient'altro che la legge del popolo d'Israele, parole che ogni Israelita conosceva molto bene (specialmente la prima parte il famoso "Shèma Israel...").
Il primo comandamento mi invita ad amare Dio nella mia totalità, con mente, cuore, forze. Sembra qualcosa di enorme, e lo è, ma è anche quello che Cristo ha fatto per gli uomini sulla croce.
Il secondo mi invita ad amare il prossimo. Non penso che lo abbia messo al secondo posto perchè meno importante, ma perchè Gesù sa bene che il vero amore per il prossimo si realizza solo se alla base c'è l'amore per Dio.
Amando Dio riconosco che il prossimo è  mio fratello! 
Altrimenti sarebbe filantropia, o solidarietà, cose belle e positive ma  molto diverse rispetto all'amore cristiano che corrisponde all'amare l'altro come Dio ci ama!
Ma io so di essere amato da Dio? 

Buona giornata!!

Nessun commento:

Posta un commento