Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

lunedì 18 aprile 2016

Lunedì 18 Aprile

Dal Vangelo secondo Giovanni 10,1-10

In quel tempo, disse Gesù: “In verità, in verità vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore per la porta, ma vi sale da un’altra parte, è un ladro e un brigante. Chi invece entra per la porta, è il pastore delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore una per una e le conduce fuori. E quando ha condotto fuori tutte le sue pecore, cammina innanzi a loro, e le pecore lo seguono, perché conoscono la sua voce. Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei”.
Questa similitudine disse loro Gesù; ma essi non capirono che cosa significava ciò che diceva loro.
Allora Gesù disse loro di nuovo: “In verità, in verità vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvo; entrerà e uscirà e troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza”.

 




"egli chiama le sue pecore una per una".
Per chiamarle "una ad una" vuol dire che ha una conoscenza personale, intima, non di gruppo.
Il Signore ci chiama per nome, sa chi siamo, ci conosce nel profondo, perchè per amare bisogna conoscere. E Lui ci ama, per davvero!
Ma io so ri-conoscerlo? mi ri-conosco amato?
A volte mi sento più sicuro nel gruppo e non nella relazione "uno ad uno" perchè questa mi mette a nudo, mostra chi sono, con i pregi ma anche con i difetti.
Cristo lo sa ma non si spaventa, non si infastidisce dei miei limiti, anzi li accoglie, ed insiste nell'andare in profondità con me.
Lui è la porta, sempre aperta, sempre accogliente!
Ed io che porta sono per gli altri? sono una porta aperta per tutti, nella mia famiglia, nella mia fraternità, nel mio posto di lavoro?
O sono una porta chiusa, magari solo per qualcuno (chi non mi va a genio), magari per tutti; una porta chiusa al dialogo e all'incontro.
Signore fa in modo che chiunque mi veda riconosca in me una porta sempre aperta, libera dal giudizio per cui entra chi voglio io e gli altri restano fuori! Fa che chiunque entrando da questa porta si possa sentire a casa!

Buona giornata e buona settimana!!!

 

Nessun commento:

Posta un commento