Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 5 aprile 2016

Martedì 5 Aprile

Dal Vangelo secondo Giovanni 3,7b-15.

In quel tempo, Gesù disse a Nicodemo: «In verità ti dico: dovete rinascere dall'alto.
Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai di dove viene e dove va: così è di chiunque è nato dallo Spirito».
Replicò Nicodèmo: «Come può accadere questo?».
Gli rispose Gesù: «Tu sei maestro in Israele e non sai queste cose?
In verità, in verità ti dico, noi parliamo di quel che sappiamo e testimoniamo quel che abbiamo veduto; ma voi non accogliete la nostra testimonianza.
Se vi ho parlato di cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose del cielo?
Eppure nessuno è mai salito al cielo, fuorchè il Figlio dell'uomo che è disceso dal cielo.
E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell'uomo,
perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna». 




Rinascere .
Non mi stupisce che Nicodemo resti un po' spiazzato da questa richiesta di Gesù. Succede anche a me!
Dovete rinascere dall'alto.
Ed allora per cercare di capire qualcosa di più mi affido ancora una volta, alla mia migliore maestra: la natura.
Amo sempre questo periodo perchè finalmente posso tornare all'esterno, in giardino godendo del clima più caldo, e della natura che mi circonda come se fossi in un'oasi qui in mezzo ai palazzoni di Milano.
La natura mi insegna a rinascere, lo fa ogni anno. 
L'albero anche se spoglio non è morto durante l'inverno, ma in primavera sembra tornare a nuova vita riempiendosi di foglie, fiori e frutti.
E' un insegnamento per me, io non sono capace di rinascere, una volta nato mi basta, mi fermo, mi vado bene cosi e mi adagio. E poi se proprio accetto di rinascere voglio farlo subito velocemente, ma la natura mi insegna che ci vuole un tempo, lungo o breve, ma c'è un suo tempo.
Ed infine, io pretendo di controllare tutto e sapere come si evolverà ogni cosa, ma come il vento e la rinascita che viene dallo Spirito, non la si può controllare, non so dove viene ne dove va.
Mi devo fidare. Devo credere. 
Ma soprattuto, per rinascere, devo prima morire a me stesso. Abbandonarmi fiduciosamente al Padre, cosi rinascerò a vita eterna.

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento