Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 13 aprile 2016

Mercoledi 13 Aprile

Dal Vangelo secondo Giovanni 6,35-40.

In quel tempo, disse Gesù alla folla: “Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà più sete. Vi ho detto però che voi mi avete visto e non credete. Tutto ciò che il Padre mi dà, verrà a me; colui che viene a me, non lo respingerò, perché sono disceso dal cielo non per fare la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato. E questa è la volontà di colui che mi ha mandato, che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma lo risusciti nell’ultimo giorno. Questa infatti è la volontà del Padre mio, che chiunque vede il Figlio e crede in lui abbia la vita eterna; io lo risusciterò nell’ultimo giorno”. 

 

 

"Colui che viene a me non lo respingerò".
Come stridono queste parole oggi, nel nostro periodo storico, quando forse respingimento più che essere vista come una parola pericolosa, negativa, è sembra qualcosa di giusto, legittimo, a volte anche buono.
Anche tra noi cristiani purtroppo!!
Dio oggi mi dice che mai, in nessun caso metterà un muro tra di noi, qualunque cosa accada, qualsiasi cosa io faccia. Questo perchè:"io non perda nulla di quanto egli mi ha dato".
Oggi invece siamo diventati maestri del muro.
Sembrava qualcosa di lontano, superato, ed invece ne costruiamo anche nella "cristianissima" Europa, anche qui a pochissimi chilometri da casa nostra.
Questi muri, come i respingimenti, purtroppo sono la proiezione esteriore di quello che viviamo dentro.
E' dal mio cuore che nascono i muri, quando non voglio dialogare con un fratello, lo evito, lo giudico.
Sono io che "respingo" quando escludo dalla mia vita qualcuno, mi credo meglio.
Questo è l'esatto opposto del cristianesimo! Se credo nella logica del respingimento o del muro non posso dirmi cristiano! Nemmeno se vado a messa tutti i giorni, o sono frate o suora o prete, nemmeno se dico 200 rosari al giorno.
Questo perchè l'essere cristiani nasce nella preghiera, ma se questa è vera inevitabilmente porta a riflettere nella vita l'essere come Cristo.
Ed oggi ci ha detto chiaramente come agiva ed agisce nei confronti degli uomini:
"Colui che viene a me non lo respingerò" perchè "io non perda nulla di quanto egli mi ha dato".

Buona giornata!

 

 

 



Nessun commento:

Posta un commento