Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 27 aprile 2016

Mercoledì 27 aprile

Dal Vangelo secondo Giovanni 15,1-8

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: “Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già mondi, per la parola che vi ho annunziato.
Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli”.

 

 

Gesù sapeva donare delle immagini sicuramente efficaci oltre che magnifiche.
Come quella del Vangelo di oggi. 
Il tralcio che resta nella vite porta frutto. Questo era un concetto basilare e chiaro per un popolo che conosceva bene l'agricoltura.
Ma è un immagine bellissima anche per noi oggi, perchè ci permette di capire quale deve essere il nostro rapporto con il Signore.
"Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla".
E' verissimo!!! Eppure io faccio una fatica enorme a comprenderlo!
Senza di Lui non posso far nulla, ma spesso e volentieri credo che mi guadagnerò la salvezza da solo ,con le mie mani, con le mie buone azioni.
Ma se non rimango in Lui, manco il bersaglio, magari faccio anche qualcosa di buono, ma rischio di perderne il significato profondo, o di farlo per me stesso, o per credermi migliore di altri.
Devo rimanere (che bello questo verbo ripetuto più volte) in Lui come un tralcio sta nella vite. Questo mi permette di accorgermi che ci sono altri tralci, come me: i fratelli.
Se rimango in Lui posso portare frutti, che daranno gusto alla mia vita e a quella dei fratelli.

Buona giornata!!

Nessun commento:

Posta un commento