Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 16 aprile 2016

Sabato 16 Aprile

Dal Vangelo secondo Giovanni 6,60-69

In quel tempo, molti tra i discepoli di Gesù, dissero: “Questo linguaggio è duro; chi può intenderlo?”
Gesù, conoscendo dentro di sé che i suoi discepoli proprio di questo mormoravano, disse loro: “Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell’uomo salire là dov’era prima? È lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che vi ho dette sono spirito e vita. Ma vi sono alcuni tra voi che non credono”.
Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E continuò: “Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre mio”.
Da allora molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: “Forse anche voi volete andarvene?” Gli rispose Simon Pietro: “Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna; noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio”.

 

 

“Questo linguaggio è duro; chi può intenderlo?”
Non sono i farisei, i dottori della legge, gli scribi, o altri avversari a parlare, ma dei discepoli di Gesù.
Persone che erano con Lui giorno e notte, lo seguivano ed ascoltavan tutti i suoi insegnamenti.
Ma ora si accorgono della "durezza" del suo linguaggio, di quello che dice.
"Ama i tuoi nemici", " Porgi l'altra guancia", "Vendi tutto quello che hai e dallo ai poveri".....
Anche oggi questo è un linguaggio duro! 
Siamo noi che spesso lo "ammorbidiamo", o fingiamo non l'abbia mai detto.
Ma le richieste del Signore sono proprio queste. 
Questi discepoli 2000 anni fa lasciarono il Signore e se andarono da un'altra parte.
Eppure Gesù non si scompone, non modifica il suo messaggio ed anzi senza paura rilancia e chiede ai discepoli "anche voi volete andarvene?"
Gesù è esente dal populismo, non dice quello che vogliamo sentirci dire, per radunar tante folle. Il messaggio che Lui porta, è l'annuncio di Salvezza da parte di Dio.
Ed è per tutti! Anche per Giuda, anche se "sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito".
Gesù non esclude, mai! Giuda sarà con Lui fino alla fine, anche durante l'ultima cena e la lavanda dei piedi. Gesù lo tiene con se!
Quindi credo proprio che nonostante i miei limiti farà lo stesso con me quando non vivrò il suo "linguaggio duro", quando tenterò di "ammorbidirlo", quando non amerò i nemici, non lascerò tutto, non accoglierò lo straniero ed il povero. 
Non mi abbandonerà ma resterà accanto per insegnarmi a farlo.

Buon fine settimana

Nessun commento:

Posta un commento