Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 2 aprile 2016

Sabato 2 Aprile

Dal Vangelo secondo Marco 16,9-15.

Risuscitato al mattino nel primo giorno dopo il sabato, apparve prima a Maria di Màgdala, dalla quale aveva cacciato sette demòni.
Questa andò ad annunziarlo ai suoi seguaci che erano in lutto e in pianto.
Ma essi, udito che era vivo ed era stato visto da lei, non vollero credere.
Dopo ciò, apparve a due di loro sotto altro aspetto, mentre erano in cammino verso la campagna.
Anch'essi ritornarono ad annunziarlo agli altri; ma neanche a loro vollero credere.
Alla fine apparve agli undici, mentre stavano a mensa, e li rimproverò per la loro incredulità e durezza di cuore, perché non avevano creduto a quelli che lo avevano visto risuscitato.
Gesù disse loro: «Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura.» 

 

 

Le notizie di gioia vanno subito condivise!
Ed è quello che fanno Maria di Magdala e i due discepoli di Emmaus, eppure non vengono creduti dagli altri, nemmeno dagli undici!
E' significativo che Gesù risorto non appare subito agli undici, sarebbe logico erano quelli a Lui più vicini, ma sceglie altre donne e uomini.
Ma per gli undici è più difficile credere!
E' normale, credo, alzi la mano chi non ha mai avuto dubbi sulla resurrezione!
Non è una cosa da poco, e non a caso da li passa tutta la nostra fede: "Se Cristo non è risorto vana è la nostra fede".
Anche io spesso faccio fatica ad accogliere un evento cosi enorme, qualcosa che inevitabilmente ha cambiato la storia del mondo. Perchè se Gesù è risorto allora è chiaro che Lui è il Figlio di Dio e non un semplice maestro o un (pur grandissimo) profeta.
Se Cristo è risorto il mondo non può più essere lo stesso.
Per questo ci chiede di "predicare il Vangelo ad ogni creatura".
Notare dice creatura non essere umani, cioè anche agli animali, alle piante' alla terra....
Penso che San Francesco sia partito proprio da qui nel suo amore per il creato, che non è un'ecologia come la intendiamo a volte noi, ma qualcosa di più, è rivedere in ogni creatura il suo stesso creatore.
Dovrei impararlo anche io!!!

Buon fine settimana!!

Nessun commento:

Posta un commento