Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

giovedì 5 maggio 2016

Giovedì 5 Maggio

Dal Vangelo secondo Giovanni 16,16-20

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: “Ancora un poco e non mi vedrete; un po’ ancora e mi vedrete”. Dissero allora alcuni dei suoi discepoli tra loro: “Che cos’è questo che ci dice: Ancora un poco e non mi vedrete, e un po’ ancora e mi vedrete, e questo: Perché vado al Padre?”. Dicevano perciò: “Che cos’è mai questo ‘‘un poco’’ di cui parla? Non comprendiamo quello che vuol dire”.
Gesù capì che volevano interrogarlo e disse loro: “Andate indagando tra voi perché ho detto: Ancora un poco e non mi vedrete e un po’ ancora e mi vedrete? In verità, in verità vi dico: voi piangerete e vi rattristerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete afflitti, ma la vostra afflizione si cambierà in gioia”.

 

 

 


"la vostra afflizione si cambierà in gioia."
Ma è davvero così? Io sono davvero pieno di gioia per il Signore?
Certo per i discepoli lo è stato! Qui Gesù parlava della sua passione imminente, e loro dopo l'angoscia della morte di Gesù (che significava la fine di tutto ed il fallimento), si immergono nella gioia scoprendo che Gesù è risorto ed è vivo, li con loro.
Ma oggi è ancora così????
Non vorrei sembrare negativo ma a me sembra di no! Noi cristiani (non tutti ovviamente) troppo spesso più che ricolmi di gioia, sembriamo spenti, tristi, come in un perenne funerale. Sembra che siamo rimasti tra quel venerdì al calvario ed il sabato dell'assenza di Gesù. 
Ci manca la domenica della resurrezione!
Certo ci sono situazione di vera angoscia, penso ai cristiani che vivono in zone dove vengono perseguitati, ma io, ma noi che viviamo la nostra fede liberamente come esprimiamo la nostra gioia?
Credo sia anche per questo che il messaggio che portiamo ha perso forza, una testimonianza gioiosa contagia, una faccia da funerale fa scappare.
Dovrei fermarmi e restare come Maria di Magdala quella mattina al sepolcro, quando dopo il pianto di disperazione sente pronunciare il suo nome come lo pronunciava Lui, ed allora il cuore esplode di gioia!

Buona giornata!!!

 

Nessun commento:

Posta un commento