Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

lunedì 9 maggio 2016

Lunedì 9 Maggio

Dal Vangelo secondo Giovanni 16,29-33

In quel tempo, i discepoli dissero a Gesù: “Ecco, adesso parli chiaramente e non fai più uso di similitudini. Ora conosciamo che sai tutto e non hai bisogno che alcuno t’interroghi. Per questo crediamo che sei uscito da Dio”. Rispose loro Gesù: “Adesso credete? Ecco, verrà l’ora, anzi è già venuta, in cui vi disperderete ciascuno per conto proprio e mi lascerete solo; ma io non sono solo, perché il Padre è con me. Vi ho detto queste cose perché abbiate pace in me. Voi avrete tribolazione nel mondo, ma abbiate fiducia; io ho vinto il mondo!”

 

 

 

 

"Io ho vinto il mondo"
Ed allora di che abbiamo paura?
Spesso dico che la peggior malattia che, secondo me, abbiamo noi cristiani è la paura di tutto.
Siamo spesso sulla difensiva, sempre con il terrore che tutto e tutti stiano complottando per distruggere la nostra fede, eliminare il cristianesimo.
Ma se Lui ha vinto il mondo, noi di che abbiamo paura?
Anche ammesso che davvero ci sia chi vuole eliminare il cristianesimo (purtroppo delle realtà ci sono), non dobbiamo temere proprio per queste sue parole.
Questo mi aiuta a non vedere il male ovunque, anche dove non c'è. E di conseguenza a non considerare un nemico pericoloso ogni persona che ha un credo diverso, o non la pensa come me.
Questo modo di pensare si che è una malattia, perchè ci fa diventare noi stessi i distruttori della nostra fede. 
Chi esclude, in qualsiasi caso, non vive la fede nel Dio di Gesù Cristo. 
Un amico diceva "dimmi chi escludi e ti dirò chi sei".
Come ci ricorda papa Francesco, l'esclusione, il muro non sono parole cristiane nemmeno se siamo vittima della paura.
Ma paura di chi?

Buona settimana!!!!

Nessun commento:

Posta un commento