Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 18 maggio 2016

Mercoledì 18 Maggio ( San Felice da Cantalice)

Dal Vangelo secondo Marco 9,38-40

In quel tempo, Giovanni disse a Gesù: “Maestro, abbiamo visto uno che scacciava i demoni nel tuo nome e glielo abbiamo vietato, perché non era dei nostri”. Ma Gesù disse: “Non glielo proibite, perché non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito dopo possa parlare male di me. Chi non è contro di noi, è per noi”.

 

 

 

Ieri Gesù ha dato una bella "bastonata" al nostro perenne desiderio di primeggiare, di essere a capo.
Oggi ce ne da un'altra, stavolta bastona la nostra invidia, le nostre gelosie.
Spesso quest'invidia nei confronti degli altri, non mi permette di vedere le cose nel modo giusto, e nemmeno di usare la ragione!
Gesù lo mostra subito ai discepoli, preoccupati di perdere il loro privilegio: 
"non c’è nessuno che faccia un miracolo nel mio nome e subito dopo possa parlare male di me".
Semplice logica! Eppure l'invidia rende ciechi ed incapaci di comprendere, ti fa alzare i muri perchè devi difenderti da un possibile pericolo!
Quante volte facciamo cosi? Spesso siamo portati a vedere minacce ovunque, molti fratelli diventano un pericolo, solo perchè non sono identici a noi, non sono del nostro gruppo, non la pensano uguale; ma in fondo sono per noi, con noi. Sono "semplicemente" fratelli.
Nella mia vita questo purtroppo capita spesso, proprio per questo serve chiedere al Signore "occhi nuovi" e capacità di "discernere", ma senza avere la paura di tutto e di tutti!
L'invidia nasce da una ferita che portiamo dentro, qualcosa che ci fa soffrire e con cui non abbiamo ancora fatto pace. Riconciliamoci con noi stessi!
 

Buona giornata!!
 

Nessun commento:

Posta un commento