Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 30 luglio 2016

Sabato 30 Luglio

Dal Vangelo secondo Matteo 14,1-12. 

In quel tempo il tetrarca Erode ebbe notizia della fama di Gesù.
Egli disse ai suoi cortigiani: «Costui è Giovanni il Battista risuscitato dai morti; per ciò la potenza dei miracoli opera in lui».
Erode aveva arrestato Giovanni e lo aveva fatto incatenare e gettare in prigione per causa di Erodìade, moglie di Filippo suo fratello.
Giovanni infatti gli diceva: «Non ti è lecito tenerla!».
Benché Erode volesse farlo morire, temeva il popolo perché lo considerava un profeta.
Venuto il compleanno di Erode, la figlia di Erodìade danzò in pubblico e piacque tanto a Erode
che egli le promise con giuramento di darle tutto quello che avesse domandato.
Ed essa, istigata dalla madre, disse: «Dammi qui, su un vassoio, la testa di Giovanni il Battista».
Il re ne fu contristato, ma a causa del giuramento e dei commensali ordinò che le fosse data
e mandò a decapitare Giovanni nel carcere.
La sua testa venne portata su un vassoio e fu data alla fanciulla, ed ella la portò a sua madre.
I suoi discepoli andarono a prendere il cadavere, lo seppellirono e andarono a informarne Gesù. 

 

Testimoniare la verità, a qualunque costo!
Giovanni Battista arriva a donare la vita per questa verità. Anche Gesù subirà la stessa sorte, visto che il motivo di condanna sarà il suo dirsi Figlio di Dio.
Ed io che testimone di verità sono? Quale verità testimonio?
Forse la verità di Erode ed Erodiade, quella dell'interesse personale, quella del "fine che giustifica i mezzi".
Infatti mi accorgo che a volte, sono in bilico tra il testimoniare me stesso, le mie idee, piuttosto che la Verità.
Ma qual'è questa Verità?
Per me è Gesù. Lui che dice "sono via vertià e vita".
A volte però testimoniare questa verità mi costa molto, perchè si scontra con quello che penso io, con i miei interessi personali, a volte mi mette in difficoltà perchè mi chiede cose che forse non vorrei fare!
E non è nulla, io sono ancora fortunato, a dei fratelli in parti più difficili del mondo chiede di testimoniare la Verità nella paura, nel pericolo, nella prigione, a volte anche nella morte.
Non è facile testimoniare la Verità, ma se Lui è diventato il centro della nostra vita, come vedevamo ieri, allora cambia tutto, allora cambio io!

Buona giornata e buon fine settimana!!!

Nessun commento:

Posta un commento