Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 29 luglio 2016

Venerdì 29 Luglio S. Marta

Dal Vangelo secondo Giovanni 11,19-27. 

In quel tempo, molti Giudei erano venuti da Marta e Maria per consolarle per il loro fratello.
Marta, come seppe che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa.
Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto!
Ma anche ora so che qualunque cosa chiederai a Dio, egli te la concederà».
Gesù le disse: «Tuo fratello risusciterà».
Gli rispose Marta: «So che risusciterà nell'ultimo giorno».
Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà;
chiunque vive e crede in me, non morrà in eterno. Credi tu questo?».
Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio che deve venire nel mondo».



Marta l'abbiamo incontrata poco tempo fa nel famoso brano in cui chiede a Gesù di richiama re la sorella ed invece Lui le indica cosa è veramente importante.
Oggi ci sono delle somiglianze, come quel giorno Maria rimane seduta in casa (allora era ai piedi del Signore), e Marta agisce, esce e va incontro a Gesù che sta arrivando.
Sono però colpito da lei perchè secondo me c'è un cambiamento.
Tempo prima Gesù non la rimproverò ma le indicò qual'è il vero centro della vita: 
"Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti agiti per molte cose, ma una sola è la cosa di cui c'è bisogno." Lc 10,41-42.
Ora ne è più consapevole e ricolma di un enorme fiducia:
"se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa chiederai a Dio, egli te la concederà".
Una fiducia così grande credo possa venire solo da un totale abbandono, solo dalla consapevolezza che Lui è tutto per lei, è il suo centro, è la sua vita!
Ed infatti quando Gesù le chiede se crede che Lui è la risurrezione e la vita, lei risponde:
"Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio che deve venire nel mondo".
Devo proprio imparare da Marta, io non ho ancora la consapevolezza che il Signore è il centro della mia vita. Anche per questo a volte perdo la fiducia nel mondo, nelle persone, nella società, in me stesso.....
Se vivo l'abbandono fiducioso di Marta nel suo Signore, non tempo più ed anche queste mie fatiche risorgono e trovano vita.
Forse la risurrezione prima di suo fratello Lazzaro, l'ha vissuta proprio lei Marta. 

Oggi al posto di una fotografia, vi regalo una canzone che amo molto. Si chiama proprio "Nel centro", la voglio dedicare al Signore, sperando che lo lasci diventare proprio il centro nella mia vita.
Buona giornata! 

Nessun commento:

Posta un commento