Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 8 luglio 2016

Venerdì 8 Luglio

Dal Vangelo secondo Matteo 10,16-23

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Ecco: io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe.
Guardatevi dagli uomini, perché vi consegneranno ai loro tribunali e vi flagelleranno nelle loro sinagoghe; e sarete condotti davanti ai governatori e ai re per causa mia, per dare testimonianza a loro e ai pagani. E quando vi consegneranno nelle loro mani, non preoccupatevi di come o di che cosa dovrete dire, perché vi sarà suggerito in quel momento ciò che dovrete dire: non siete infatti voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi.
Il fratello darà a morte il fratello e il padre il figlio, e i figli insorgeranno contro i genitori e li faranno morire. E sarete odiati da tutti a causa del mio nome; ma chi persevererà sino alla fine sarà salvato.
Quando vi perseguiteranno in una città, fuggite in un’altra; in verità vi dico: non avrete finito di percorrere le città di Israele, prima che venga il Figlio dell’uomo”.

 

 

Oggi ci viene mostrata la modalità per portare l'annuncio nel mondo.
Ci vengono offerti degli esempi forti: "pecore in mezzo ai lupi", "prudenti come i serpenti" e "semplici come le colombe".
Anche io rischio di farmi coinvolgere nella modalità del mondo, l'alzare la voce, l'usare la violenza, piuttosto che essere semplice come una colomba.
Gesù non mi invita alla passività, ma mi chiede di fare come Lui, offrirmi con semplicità, con la non-violenza e la libertà del Suo annuncio, anche di fronte alle persecuzioni.
Questo mi da la garanzia di portare davvero il Suo messaggio e non un' ideologia personale: "non preoccupatevi di come o di che cosa dovrete dire, perché vi sarà suggerito in quel momento ciò che dovrete dire: non siete infatti voi a parlare, ma è lo Spirito del Padre vostro che parla in voi".
Spesso il Suo messaggio mi porta a dovermi confrontare con altri, magari qualcuno alza i toni, mi offende ma a me è chiesto di rimanere saldo nella modalità di Gesù, anche sospendendo il giudizio. 
Devo contestare il peccato, ma mai il peccatore quello è un fratello.

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento