Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

lunedì 1 agosto 2016

Lunedì 1 Agosto S. Alfonso Maria de Liguori

Dal Vangelo secondo Matteo 14,13-21.

In quel tempo, quando udì della morte di Giovanni Battista, Gesù partì su una barca e si ritirò in disparte in un luogo deserto. Ma la folla, saputolo, lo seguì a piedi dalle città.
Egli, sceso dalla barca, vide una grande folla e sentì compassione per loro e guarì i loro malati.
Sul far della sera, gli si accostarono i discepoli e gli dissero: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congeda la folla perché vada nei villaggi a comprarsi da mangiare».
Ma Gesù rispose: «Non occorre che vadano; date loro voi stessi da mangiare».
Gli risposero: «Non abbiamo che cinque pani e due pesci!».
Ed egli disse: «Portatemeli qua».
E dopo aver ordinato alla folla di sedersi sull'erba, prese i cinque pani e i due pesci e, alzati gli occhi al cielo, pronunziò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli e i discepoli li distribuirono alla folla.
Tutti mangiarono e furono saziati; e portarono via dodici ceste piene di pezzi avanzati.
Quelli che avevano mangiato erano circa cinquemila uomini, senza contare le donne e i bambini.

 

 

 Questo brano è magnifico, pieno di segni che fanno bene al cuore.
A cominciare dal quel "sentì compassione" di Gesù, che richiama il movimento delle viscere, come una madre per il proprio figlio. Sapere che Gesù ci ama a quel modo mi sconvolge!
Mi colpisce anche la risposta di Gesù all' obiezione legittima degli apostoli: "date loro voi stessi da mangiare".
Non dategli voi del cibo, ma date voi stessi, offritevi come vita per loro. Sarà poi il gesto d'amore totale di Gesù per noi sulla croce.
Ed è significativo vedere che Gesù dopo aver moltiplicato i pani e i pesci, non li dà Lui direttamente alla folla, ma li fa passare per le mani dei discepoli come per mostrare loro la realà di quel miracolo ed investirli di un compito, un segno che in futuro ripeteranno molte volte.
Fino ad oggi.
Io resto sempre stupito di come il Signore nella celebrazione accetti di farsi accogliere nelle mie indegne mani.
Questo brano mi mostra tutta l'umanità di Gesù e la sua grande umiltà, ma da un lato quasi mi spaventa mostrando la grandezza del compito a cui noi cristiani siamo chiamati: farci pane spezzato per i fratelli.

Buona giornata e buona settimana!! 

Nessun commento:

Posta un commento