Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 30 agosto 2016

Martedì 30 Agosto

Dal Vangelo secondo Luca 4,31-37.

In quel tempo, Gesù discese a Cafarnao, una città della Galilea, e il sabato ammaestrava la gente.
Rimanevano colpiti dal suo insegnamento, perché parlava con autorità.
Nella sinagoga c'era un uomo con un demonio immondo e cominciò a gridare forte:
«Basta! Che abbiamo a che fare con te, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? So bene chi sei: il Santo di Dio!».
Gesù gli intimò: «Taci, esci da costui!». E il demonio, gettatolo a terra in mezzo alla gente, uscì da lui, senza fargli alcun male.
Tutti furono presi da paura e si dicevano l'un l'altro: «Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti immondi ed essi se ne vanno?».
E si diffondeva la fama di lui in tutta la regione. 

 

 

"Rimanevano colpiti", "Erano presi da paura"
Perchè? Perchè queste persone provano queste emozioni di fronte alle parole ed ai gesti di Gesù?
"perché parlava con autorità", "comanda con autorità".
A causa dell'autorità, ma oggi questo aggettivo mi da un significato che faccio fatica ad associare allo stile di Gesù.
L'autorità mi richiama il potere, la forza, a volte anche la violenza o perfino la dittatura.
Non è certo questa l'autorità di Gesù. La sua autorità è l'opposto, non opprime, non è potere ma è una debolezza che libera.
Libera, come l'indemoniato, che prima era prigioniero del male, ma ora grazie all'autorità di Gesù è libero.
Come per me che spesso sono prigioniero del peccato ma poi vengo liberato da Lui.
Quindi non è un'autorità di cui avere paura, ma da rimanere stupiti, perchè  è sconvolgente.
Come non stupirsi di un Dio che sceglie un assassino come Paolo, o un traditore del popolo come Matteo, e li rende un apostoli?. O salva una pubblica peccatrice e le ridona la sua dignità? O che mi racconta di un Padre che perdona e fa festa per un figlio che lo aveva tradito?
Beh se non mi lascio stupire da un Dio così, forse sono proprio sterile!

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento