Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 31 agosto 2016

Mercoledì 31 Agosto

Dal Vangelo secondo Luca 4,38-44. 

In quel tempo, Gesù uscito dalla sinagoga entrò nella casa di Simone. La suocera di Simone era in preda a una grande febbre e lo pregarono per lei.
Chinatosi su di lei, intimò alla febbre, e la febbre la lasciò. Levatasi all'istante, la donna cominciò a servirli.
Al calar del sole, tutti quelli che avevano infermi colpiti da mali di ogni genere li condussero a lui. Ed egli, imponendo su ciascuno le mani, li guariva.
Da molti uscivano demòni gridando: «Tu sei il Figlio di Dio!». Ma egli li minacciava e non li lasciava parlare, perché sapevano che era il Cristo.
Sul far del giorno uscì e si recò in un luogo deserto. Ma le folle lo cercavano, lo raggiunsero e volevano trattenerlo perché non se ne andasse via da loro.
Egli però disse: «Bisogna che io annunzi il regno di Dio anche alle altre città; per questo sono stato mandato».
E andava predicando nelle sinagoghe della Giudea.

 


Due passaggi mi colpiscono in questo brano di Vangelo.
"Bisogna che io annunzi il regno di Dio anche alle altre città".
L'annuncio di Gesù non è ristretto.Lui rende subito chiara la sua missione: annunciare il Regno di Dio.
Non solo a qualcuno, ad una cerchia ristretta di persone, ma a tutti; infatti il suo rivolgersi anche ai pagani creerà scandalo.
Quest'atteggiamento mi insegna molto, e mi interroga, perchè io spesso e volentieri porto si l'annuncio, ma all'interno della Chiesa, ai credenti, a chi ha già iniziato un cammino.
Ma gli altri? Sono testimonianza ed annuncio per chi non crede, per chi è contro, per chi magari non ha mai sentito parlare di questo Dio Padre che si fa uomo?
Un' altra cosa che mi colpisce è la modalità di quest'annuncio:
"Sul far del giorno uscì e si recò in un luogo deserto".
Si ritira, non è appariscente, se ne sta nascosto.
Perchè?
Credo che Gesù non voglia essere un "distributore di miracoli", non vuole "legare" a se, rendere gli uomini dipendenti da Lui.
Quanto succede oggi di vedere persone diventare dipendenti, quasi schiave, di presunti maghi, santoni, fattucchieri!
Gesù non fa questo. Gesù libera e non vuole liberarmi per poi diventare Lui il mio padrone.
Io invece troppo spesso mi accorgo che faccio l'opposto, voglio essere al centro, corro il rischio di legare volontariamente a me gruppi, persone; per far crescere la mia autostima o per sentirmi bravo.
Gesù mi interroga, ma io mi lascio interrogare?

Buona giornata!
Io spreco sempre troppe parole, questa vignetta con poche dice tutto!

Nessun commento:

Posta un commento