Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 13 agosto 2016

Sabato 13 Agosto

Dal Vangelo secondo Matteo 19,13-15. 

In quel tempo, furono portati a Gesù dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse; ma i discepoli li sgridavano.
Gesù però disse loro: «Lasciate che i bambini vengano a me, perché di questi è il regno dei cieli».
E dopo avere imposto loro le mani, se ne partì. 

 

 

"furono portati a Gesù dei bambini".
Probabilmente erano molto piccoli questi bambini, forse neonati, perchè vengono portati da Gesù, e non ci vanno da soli. Forse erano in braccio alle loro mamme, che li portano a Lui per benedirli.
Mi riempie di tenerezza questa scena!
I discepoli non sono cattivi, probabilmente cercano di fermare le donne per non "stressare" troppo Gesù, tutto il giorno ricercato da miriadi di persone.
Ma Gesù non si tira indetro anzi prende al volo l'occasione per dare un insegnamento:
 "Lasciate che i bambini vengano a me, perché di questi è il regno dei cieli".
Non è un invito a regredire, Gesù sa bene che per ogni stagione della vita c'è un certo grado di responsabilità e maturazione.
Lui vuole indicarmi che la strada giusta la trovo nella semplicità dell'abbandono fiducioso di un bambino.
Un bimbo è profondamente legato a qualcuno, non è da solo, ha bisogno della sua mamma, del papà, o di qualcuno che lo accompagni. E si abbandona fiduciosamente perchè sa che da loro sarà curato, si fida di loro.
Un bambino è aperto al mondo, è curioso, sa accogliere con desiderio quello che la vita gli mette di fronte.
Ecco Gesù vuole dirmi che il Padre desidera questo da me, un abbandono fiducioso nella sua tenerezza.
Fino a quando non mi accorgo che sono amato da questo Padre, il resto è superfluo, parziale, solo lavoro intellettuale che rischia di portarmi fuori strada!
Quanta strada ho ancora da fare per tornare bambino!

Buona giornata e buon fine settimana!

Nessun commento:

Posta un commento