Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

giovedì 22 settembre 2016

Giovedì 22 Settembre

Dal Vangelo secondo Luca 9,7-9.

In quel tempo, il tetrarca Erode sentì parlare di tutto ciò che accadeva e non sapeva che cosa pensare, perché alcuni dicevano: «Giovanni è risuscitato dai morti»,
altri: «E' apparso Elia», e altri ancora: «E' risorto uno degli antichi profeti».
Ma Erode diceva: «Giovanni l'ho fatto decapitare io; chi è dunque costui, del quale sento dire tali cose?». E cercava di vederlo.

 


"Cercava di vederlo"
Erode cerca di vedere Gesù, ma perchè? Non perchè vuole incotrarlo, ma per curiosità, direi quasi per gossip, sente che tutti parlano di Lui ed allora vuole incontrarlo.
Infatti alla fine ci riuscirà, poco prima della sua morte Gesù viene mandato da Pilato ad Erode, ma da quest'incontro non cambia la sua vita, Erode lo schiernisce ma non ottiene nessuna risposta, anche perchè non si è fatto nessuna domanda.
A me invece questo brano provoca molte domande: Come guardo Gesù? Cerco di vederlo davvero o solo per curiosità come Erode? 
Tra l'altro Erode non esce mai incontro a Gesù, vuole vederlo, ma aspetta che sia Lui a venire; fin quando non lo conducono a palazzo non si incontreranno mai.
Io so uscire incontro a Gesù o pretendo che sia Lui a venire da me, senza poi riconoscerlo? 
Oggi posso incontrare ancora Gesù attraverso la Parola, i Sacramenti, la Carità (cioè l'amore) verso i fratelli.
La prima lettura tratta da Qoelet dice "Vanità delle vanità tutto è vanità". Il mio commentario aggiungeva stamattina: "Tutto è vanità, tranne la carità".
La carità mi porta fuori da me stesso, dalle mie vanità. Mi porta in strada dove incontro i fratelli e li anche il Signore che mi parla, ed allora ho occhi per vederlo e riconoscerlo.

Buona giornata! 

Nessun commento:

Posta un commento