Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

giovedì 29 settembre 2016

Giovedì 29 Settembre Santi Arcangeli Michele, Gabriele, Raffaele

Dal Vangelo secondo Giovanni 1,47-51. 

In quel tempo, Gesù, visto Natanaèle che gli veniva incontro, disse di lui: «Ecco davvero un Israelita in cui non c'è falsità».
Natanaèle gli domandò: «Come mi conosci?». Gli rispose Gesù: «Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri sotto il fico».
Gli replicò Natanaèle: «Rabbì, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d'Israele!».
Gli rispose Gesù: «Perché ti ho detto che ti avevo visto sotto il fico, credi? Vedrai cose maggiori di queste!».
Poi gli disse: «In verità, in verità vi dico: vedrete il cielo aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sul Figlio dell'uomo». 

 

 

Ma gli angeli sono cose da bambini dai!
Oggi questa è un obiezione che sento dire spesso. Va bene credere molte cose ma gli angeli è troppo!
Leggendo questo brano oggi mi chiedevo "cosa penso io degli angeli"?
Credo siano un aiuto concreto nella mia vita, il modo di Dio di dirmi che non sono solo "nella giungla" ma ho un sostegno forte al mio fianco. E proprio questa concretezza non me li fa immaginare con le ali, quasi figure mitologiche, ma più come dei fratelli, come le persone che incontro ogni giorno.
Mi è subito venuto in mente quando, fino a pochi anni fa, ai "campi scuola" con i giovani vivevamo un "gioco" chiamato proprio L' Angelo.
Consisteva nel pescare un biglietto dove trovavi il nome di un altro ragazzo, o ragazza, e durante quel periodo tu dovevi essere per lui un angelo, prestargli cura, senza far scoprire la tua identità fino alla fine.
Ma io oggi ho imparato qualcosa da quel gioco? Sono angelo per i fratelli che vivono assieme a me? Presto cura e attenzione per qualcuno?
No, non penso proprio agli angeli con le alette, ma penso ai panettieri che ci regalano il pane per i poveri alla stazione, ai medici volontari che aiutano nel nostro ambulatorio, a chi si ferma anche solo qualche istante per chiedere a chi è in difficoltà "come stai? hai bisogno?".
Saran anche cose da bambini, ma io ne vedo spesso di angeli in questo mondo!

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento