Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

lunedì 26 settembre 2016

Lunedì 26 Settembre

Dal Vangelo secondo Luca 9,46-50.

In quel tempo, sorse una discussione tra loro, chi di essi fosse il più grande.
Allora Gesù, conoscendo il pensiero del loro cuore, prese un fanciullo, se lo mise vicino e disse:
«Chi accoglie questo fanciullo nel mio nome, accoglie me; e chi accoglie me, accoglie colui che mi ha mandato. Poiché chi è il più piccolo tra tutti voi, questi è grande».
Giovanni prese la parola dicendo: «Maestro, abbiamo visto un tale che scacciava demòni nel tuo nome e glielo abbiamo impedito, perché non è con noi tra i tuoi seguaci».
Ma Gesù gli rispose: «Non glielo impedite, perché chi non è contro di voi, è per voi». 

 

 

 

La mia relazione con il Signore è una relazione d'amore o d'interesse?
Questo brano si inserisce subito dopo quello di sabato dove Gesù annuncia per la seconda volta la sua ormai imminente Passione: "Mettetevi bene in testa...".
Ed i discepoli che hanno timore di chiedere spiegazioni cosa fanno subito dopo? Si mettono a discutere chi è il più grande tra loro.
Gesù dice che non è un re, un leader come pensano loro, ma essi sono comunque interessati ad un ruolo di prestigio.
E quante volte capita anche oggi, anche a me!
Una volta si diceva che in paese erano 3 le autorità: il sindaco, il medico, ed il prete.
Ecco a volte ho l'impressione che noi cristiani, e specialmente io, siamo più attenti a conservare questa autorità, piuttosto che curare una relazione d'amore con il Signore.
E' un matrimonio d'interessi! Io sto con te Signore, ti seguo, così avrò un ruolo importante nella società!
E questo ruolo non solo va mantenuto, ma difeso, con le unghie e con i denti:
"abbiamo visto un tale che scacciava demòni nel tuo nome e glielo abbiamo impedito, perché non è con noi"
Quindi vivo nella paura che qualcuno possa togliermi la mia autorità, la mia carica; e temendo tutto tengo tutti lontani e li vedo come un pericolo.
Signore aiutami a comprendere che l'unico pericolo per la fede, sono io quando chiudo le porte!

Buona giornata e buona settimana!

Nessun commento:

Posta un commento