Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 27 settembre 2016

Martedì 27 Settembre

Dal Vangelo secondo Luca 9,51-56.

Mentre stavano compiendosi i giorni in cui Gesù sarebbe stato tolto dal mondo, egli si diresse decisamente verso Gerusalemme
e mandò avanti dei messaggeri. Questi si incamminarono ed entrarono in un villaggio di Samaritani per fare i preparativi per lui.
Ma essi non vollero riceverlo, perché era diretto verso Gerusalemme.
Quando videro ciò, i discepoli Giacomo e Giovanni dissero: «Signore, vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?».
Ma Gesù si voltò e li rimproverò.
E si avviarono verso un altro villaggio. 

 

Per capire almeno un minimo la reazione di Giacomo e Giovanni bisogna conoscere un particolare fondamentale.
C'era uno scontro al tempo di Gesù (fino ad oggi) tra Samaritani e Giudei osservanti, spiegarne i motivi è lungo e complesso, ci basta sapere che i Samaritani si rifiutavano di ricooscere quello di Gerusalemme come tempio ufficiale per il culto.
Per questo motivo rifiutavano il passaggio nelle loro terre ai Giudei chiaramente diretti verso il tempio, come Gesù nel Vangelo di oggi.
Per i Giudei i Samaritani erano considerati degli eretici a causa di questa e di altre posizioni teologiche. Per questo Giacomo e Giovanni hanno una reazione cosi "spropositata".
Gesù risponde in maniera decisa alla loro affermazione: "si voltò e li rimproverò".
Perchè quella non è la sua logica! Gesù non vuole eliminare, ne escludere, nemmeno chi non lo accetta o lo rifiuta.
Infatti Lui con i Samaritiani ha sempre preferito l'incontro, il dialogo, allo scontro. Vedi la parabola del buon Samaritano, o i dieci lebbrosi guariti dove solo un samaritano torna a rendere grazie, o il bellissimo incontro con la Samaritana al pozzo.
Luca ci tiene a sottolineare questa dimensione universale di Gesù, infatti all'inizio del suo Vangelo pone la preghiera di Simeone che dice ".... i miei occhi han visto la Tua salvezza preparata da te davanti a TUTTI i popoli".
Ed allora mi chiedo: C'è qualcuno che escludo dal "tutti" della Salvezza? o su cui invoco "il fuoco dall'alto"? Sono io a giudicare chi è "dentro" e chi è "fuori"?
Non lo ha fatto Gesù, io chi credo di essere?

Buona giornata!!!

Nessun commento:

Posta un commento