Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 9 settembre 2016

Venerdì 9 Settembre

Dal Vangelo secondo Luca 6,39-42. 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola: «Può forse un cieco guidare un altro cieco? Non cadranno tutt'e due in una buca?
Il discepolo non è da più del maestro; ma ognuno ben preparato sarà come il suo maestro.
Perché guardi la pagliuzza che è nell'occhio del tuo fratello, e non t'accorgi della trave che è nel tuo?
Come puoi dire al tuo fratello: Permetti che tolga la pagliuzza che è nel tuo occhio, e tu non vedi la trave che è nel tuo? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e allora potrai vederci bene nel togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello». 

 

 

 

Colpito e affondato!
Che bella batosta che mi da oggi Gesù con la Sua Parola.
La prima lettura parla dell'importanza dell'annuncio. Credo che questo Vangelo voglia mettermi in guardia da una modalità sbagliata per compiere quest'opera.
A me viene molto facile il giudizio, verso tutto e verso tutti. Sono molto ironico, a volte pungente, e noto facilmente i limiti ed i difetti degli altri.
Ma i miei? Di me stesso cosa noto? Sono consapevole di avere anche io dei limiti e dei difetti?
Gesù nel Vangelo di oggi non mi invita ad una passività, non nega che ci sia la pagliuzza nell'occhio del fratello, e non dice che è sbagliato volerla togliere; ma mi chiede: "Il tuo occhio è chiaro, pulito per vedere bene? Altrimenti come fai a pulire gli occhi altrui? farai solo danno!".
Credo che la parola chiave che oggi mi suggerisce è: l'esempio.
Lo diceva bene san Francesco per quanto riguarda l'annuncio: "Predicate il Vangelo, se necessario anche con parole!".
La parola viene dopo, prima viene l'esempio, perchè mi permette di notare subito la trave del mio occhio e rimuovendo questa, posso aiutare il fratello a togliere la sua pagliuzza utilizzando la delicatezza che è servita  a me poco prima!
Questo grido, "ipocrita" mi risveglia dal mio torpore e dal mio credermi sempre dalla parte giusta! Meno male, sia benedetto questo grido!

Buona giornata!!

Nessun commento:

Posta un commento