Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

giovedì 20 ottobre 2016

Giovedì 20 Ottobre

Dal Vangelo secondo Luca 12,49-53. 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse gia acceso!
C'è un battesimo che devo ricevere; e come sono angosciato, finché non sia compiuto!
Pensate che io sia venuto a portare la pace sulla terra? No, vi dico, ma la divisione.
D'ora innanzi in una casa di cinque persone
si divideranno tre contro due e due contro tre; padre contro figlio e figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, suocera contro nuora e nuora contro suocera». 

 

 

 

Questo è uno di quei brani che faccio fatica ad "incastrare".
Già perchè è come se mi fossero dati i pezzi un puzzle, del  quale io ho una mia immagine, ma a volte mi ritrovo tra le mani un tassello che non so dove mettere, che non capisco, e questo mi mostra che la mia idea non è per forza la stessa di chi ha "creato" l'ha creata.
Eppure queste parole oggi mi dicono qualcosa di più. Quel fuoco che forse mi spaventava, oggi lo invoco perchè capisco che è il fuoco dello Spirito,  della fede, che mi viene donata da Gesù proprio in quel "battesimo" sulla croce.
Ma la divisone?
Vorrei non ci fosse, vorrei la pace, ma purtroppo è vero a volte delle scelte di fede possono portare a divisioni, anzi proprio quando si vuole fare una scelta di fede vera, forte, concreta.
Penso a S. Francesco che scegliendo la povertà si scontra col padre, si crea una divisione, non perchè voleva essere un religioso ma per come voleva esserlo.
E non lo nego si vede anche oggi, purtroppo, nella Chiesa con Francesco che fa scelte concrete, reali, forti, ma molti non lo capiscono anzi lo contestano e voglio creare divisione.
Questo mi interroga, ma io faccio scelte vere di fede, forti, o preferisco una "finta pace" che poi è uno sterile quieto vivere.
Perchè la pace di Cristo non è quello, non è "starsene in ciabatte seduto in poltrona" come diceva Tonino Bello. No è qualcosa di diverso, è molto di più!

Buona giornata! 

Nessun commento:

Posta un commento