Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

lunedì 17 ottobre 2016

Lunedì 17 Ottobre

Dal Vangelo secondo Luca 12,13-21.  

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di' a mio fratello che divida con me l'eredità».
Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?».
E disse loro: «Guardatevi e tenetevi lontano da ogni cupidigia, perché anche se uno è nell'abbondanza la sua vita non dipende dai suoi beni».
Disse poi una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un buon raccolto.
Egli ragionava tra sé: Che farò, poiché non ho dove riporre i miei raccolti?
E disse: Farò così: demolirò i miei magazzini e ne costruirò di più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni.
Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; riposati, mangia, bevi e datti alla gioia.
Ma Dio gli disse: Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato di chi sarà?
Così è di chi accumula tesori per sé, e non arricchisce davanti a Dio». 

 

 

"Anche se uno è nell'abbondanza la sua vita non dipende dai suoi beni".
Oggi più che mai quest'affermazione è un grido fortissimo!
L'avere è diventato il concetto dominante, sopratutto tra noi giovani, io "sono" in base a ciò che possiedo.
Gesù oggi vuole mostrarmi che è proprio il contrario: non importa ciò che possiedo ma ciò che sono, non è tanto "l'avere" ma "l'essere" che mi  rende libero.
Esiste una sola ricchezza:Dio. E quella appartiene a tutti.
Mi viene in mente un ammonizione di S. Francesco "Tanto vale l'uomo agli occhi di Dio, e nulla di più".
Non devo fare però l'errore di credere che si parli solo di una ricchezza economica, di "avere dei beni".
Cado nella "trappola" dell'avere anche quando voglio possedere una relazione, un ruolo, un incarico....
Questo avere, mi allontana dagli altri perchè non me li mostra più come fratelli, ma come "cose", qualcosa che voglio possedere per arricchirmi.
Devo imparare da Gesù che non ha mai voluto possedere. Nel Vangelo quasi mai si dice che Gesù prese qualcosa per se, quando capita è per ridonare, come nell'ultima cena: "Prese il pane, Prese il vino" e "lo diede ai suoi discepoli".
Gesù prende per ridonare ed io?

Buona giornata e buona settimana!

 

Nessun commento:

Posta un commento