Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 18 ottobre 2016

Martedì 18 Ottobre S. Luca evangelista

Dal Vangelo secondo Luca 10,1-9.

In quel tempo,  il Signore designò altri settantadue discepoli e li inviò a due a due avanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi.
Diceva loro: «La messe è molta, ma gli operai sono pochi. Pregate dunque il padrone della messe perché mandi operai per la sua messe.
Andate: ecco io vi mando come agnelli in mezzo a lupi;
non portate borsa, né bisaccia, né sandali e non salutate nessuno lungo la strada.
In qualunque casa entriate, prima dite: Pace a questa casa.
Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi.
Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché l'operaio è degno della sua mercede. Non passate di casa in casa.
Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà messo dinanzi,
curate i malati che vi si trovano, e dite loro: Si è avvicinato a voi il regno di Dio». 

 

 

Vieni da me Signore! 
Vuoi venire a portare la tua "pace nella mia casa", dentro di me.
Vuoi venire a "mangiare e bere" di quello che ho, spezzi il pane della mia quotidianità, dei miei doni, dei miei pregi; ma anche dei miei limiti, delle mie fatiche, delle mie sofferenze...
Ed anche quando sono nel dolore mi mostri che "è vicino a me il regno di Dio".
E lo è davvero, solo che io troppo spesso non me ne accorgo perchè sono troppo indaffarato ad appesantirmi di cose: borsa, bisaccia,sandali....
Tu invece mi chiedi, e mi doni la leggerezza. Vuoi che venga da te senza nulla "di pesante"
E sarà allora, quando sarò veramente libero, che saprò riconoscere la tua pace, che saprò vedere quel pane spezzato anche per me, che saprò gioire perchè il regno di Dio è già qui, al mio fianco, tra i miei fratelli.
Vieni da me Signore!

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento