Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

martedì 25 ottobre 2016

Martedì 25 Ottobre

Dal Vangelo secondo Luca 13,18-21. 

In quel tempo, diceva Gesù: «A che cosa è simile il regno di Dio, e a che cosa lo rassomiglierò?
E' simile a un granellino di senapa, che un uomo ha preso e gettato nell'orto; poi è cresciuto e diventato un arbusto, e gli uccelli del cielo si sono posati tra i suoi rami».
E ancora: «A che cosa rassomiglierò il regno di Dio?
E' simile al lievito che una donna ha preso e nascosto in tre staia di farina, finché sia tutta fermentata». 

 

 

La parola che mi viene in mente ascoltando Gesù stamattina è: Fiducia.
Credo che voglia invitarmi a questo.
Io spesso mi scoraggio, sono propenso a vedere quello che non va, i miei limiti, le mie debolezze....
Ma Lui mi dice "Spera, non temere!". Come quel granello di senapa, che è piccolo, davvero è poca cosa, eppure diventa un arbusto anche se sembra impossibile.
O come quel poco lievito, in tanta pasta, eppure la trasforma!
Io mi soffermo sui pochi passi stentati, fatti finora, Lui vede già la bellezza portata alla mia vita.
Un mio amico sacerdote che gestiva una comunità mi raccontò che una mattina si svegliò e su un muro c'era scritto "Il male grida forte!". La mattina dopo sotto quella scritta avevano aggiunto "Si, ma la speranza grida ancora più forte!".
Gesù mi chiede questo. Mi chiede di ascoltare il grido della speranza.
Ecco cos'è l'essere cristiani, non fermarsi perchè quello che facciamo sembra poco o nulla. 
Come diceva Madre Teresa:
"Quello che noi facciamo è solo una goccia nell'oceano, ma se non lo facessimo l'oceano avrebbe una goccia in meno."
Buona giornata!!!

Nessun commento:

Posta un commento