Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 26 ottobre 2016

Mercoledì 26 Ottobre

Dal Vangelo secondo Luca 13,22-30.

In quel tempo, Gesù passava per città e villaggi, insegnando, mentre era in cammino verso Gerusalemme.
Un tale gli chiese: «Signore, sono pochi quelli che si salvano?». Rispose:
«Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perché molti, vi dico, cercheranno di entrarvi, ma non ci riusciranno.
Quando il padrone di casa si alzerà e chiuderà la porta, rimasti fuori, comincerete a bussare alla porta, dicendo: Signore, aprici. Ma egli vi risponderà: Non vi conosco, non so di dove siete.
Allora comincerete a dire: Abbiamo mangiato e bevuto in tua presenza e tu hai insegnato nelle nostre piazze.
Ma egli dichiarerà: Vi dico che non so di dove siete. Allontanatevi da me voi tutti operatori d'iniquità!
Là ci sarà pianto e stridore di denti quando vedrete Abramo, Isacco e Giacobbe e tutti i profeti nel regno di Dio e voi cacciati fuori.
Verranno da oriente e da occidente, da settentrione e da mezzogiorno e siederanno a mensa nel regno di Dio.
Ed ecco, ci sono alcuni tra gli ultimi che saranno primi e alcuni tra i primi che saranno ultimi». 

 


"Signore, sono pochi quelli che si salvano?"
 Questa domanda  riguarda più gli altri che se stessi, è un po' come chiedere chi si salva e chi no.
Gesù preferisce rispostare l'attenzione su di me, e mi dice come devo fare io per accogliere la Salvezza.
La domanda giusta sarebbe: "Signore come posso fare per essere salvato?"
E Lui risponde "Sforzatevi".
Bella questa risposta, mi scuote dal mio torpore, dal mio stare fermo in attesa di una pseudo-salvezza che piove dall'alto.
Mi invita a metterci la forza, a metterci me stesso, per allontanare da me il pericolo di essere un:"operatore d'iniquità". Cioè un operatore di male, colui che sfrutta o ferisce i fratelli.
Ed anche il pericolo di credere che si salvano poche persone e quelle che credo io, mentre invece:
"ci sono alcuni tra gli ultimi che saranno primi e alcuni tra i primi che saranno ultimi".
 Credo che mi divertirò un domani, quando scoprirò di ritrovarmi con il Signore assieme a persone che mai avrei pensato di trovare là!

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento