Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 14 ottobre 2016

Venerdì 14 Ottobre

Dal Vangelo secondo Luca 12,1-7.

In quel tempo, radunatesi migliaia di persone a tal punto che si calpestavano a vicenda, Gesù cominciò a dire anzitutto ai discepoli: «Guardatevi dal lievito dei farisei, che è l'ipocrisia.
Non c'è nulla di nascosto che non sarà svelato, né di segreto che non sarà conosciuto.
Pertanto ciò che avrete detto nelle tenebre, sarà udito in piena luce; e ciò che avrete detto all'orecchio nelle stanze più interne, sarà annunziato sui tetti.
A voi miei amici, dico: Non temete coloro che uccidono il corpo e dopo non possono far più nulla.
Vi mostrerò invece chi dovete temere: temete Colui che, dopo aver ucciso, ha il potere di gettare nella Geenna. Sì, ve lo dico, temete Costui.
Cinque passeri non si vendono forse per due soldi? Eppure nemmeno uno di essi è dimenticato davanti a Dio.
Anche i capelli del vostro capo sono tutti contati. Non temete, voi valete più di molti passeri». 

 

 

"Vi mostrerò chi dovete temere"
Una delle affermazioni più presenti nella Bibbia è "non temere". Viene ripetuta spesso, soprattutto quando il Signore o gli angeli si manifestano a qualcuno.
Ma oggi Gesù mi dice che c'è qualcuno di cui aver timore. Chi non uccide solo il corpo ma anche l'anima.
Spesso siamo presi dalla paura, dal timore, in questo contesto in cui abbiamo bisogno del "nemico quotidiano".
Ed allora chi la pensa diversamente da me fa paura, chi viene da un altro paese fa paura, chi professa un altro credo mi fa paura.....
Gesù è chiaro, non è di questo che dobbiamo aver paura ma di chi uccide l'anima: il maligno.
E come fa? 
Si insinua come lievito, come l'ipocrisia dei farisei. Di lievito ne basta poco ma appena fermenta trasforma tutta la pasta.
Ed è proprio questa ipocrisia che mi fa vedere come pericolo ciò che non lo è, e non mi fa riconoscere la minaccia reale.
Papa Francesco ieri ha detto: " E' ipocrita chi difende Cristo e caccia i rifugiati".
Forse questo è il segno più evidente per riconoscere che non abbiamo ancora capito chi dobbiamo realmente temere.

Buona giornata!!!

Nessun commento:

Posta un commento