Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

venerdì 28 ottobre 2016

Venerdì 28 Ottobre Santi Simone e Giuda

Dal Vangelo secondo Luca 6,12-16.

In quei giorni, Gesù se ne andò sulla montagna a pregare e passò la notte in orazione.
Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede il nome di apostoli:
Simone, che chiamò anche Pietro, Andrea suo fratello, Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo d'Alfeo, Simone soprannominato Zelota, Giuda di Giacomo e Giuda Iscariota, che fu il traditore.

 

 

 

Questo è un brano che si incontra molte volte durante l'anno liturgico. Tutte le volte che si celebra la festa di un apostolo spesso capita.
E' però una Parola che mi dice molto, a partire dalla "metodologia" di Gesù. 
Io sono una persona impetuosa, a volte troppo istintiva, Gesù invece mi mostra che per compiere delle scelte importanti bisogna fermarsi, prendersi del tempo, ritirarsi e pregare.
E' molto significativo che prima di scegliere i dodici:
"Gesù se ne andò sulla montagna a pregare e passò la notte in orazione."
E poi tre verbi significativi: chiamò a sé, scelse, diede il nome.
Questi dodici erano già tra i discepoli prima di essere chiamati, ma ora Gesù li chiama ad una vita totalmente nuova, tanto da cambiargli il nome.
E' quello che vuole fare anche di me e di tutti i suoi figli. Vuole chiamarmi ad una vita nuova.
Ed il fatto che i dodici non erano uomini santi, o grandi studiosi, ma uomini semplici e normali, mi rincuora perchè vuol dire che Gesù può trarre qualcosa di buono da me, nonostante i miei limiti, le mie piccolezze, i miei sbagli.

Buona giornata!


Nessun commento:

Posta un commento