Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

giovedì 10 novembre 2016

Giovedì 10 Novembre

Dal Vangelo secondo Luca 17,20-25.

In quel tempo, interrogato dai farisei: «Quando verrà il regno di Dio?», Gesù rispose:
«Il regno di Dio non viene in modo da attirare l'attenzione, e nessuno dirà: Eccolo qui, o: eccolo là. Perché il regno di Dio è in mezzo a voi!».
Disse ancora ai discepoli: «Verrà un tempo in cui desidererete vedere anche uno solo dei giorni del Figlio dell'uomo, ma non lo vedrete.
Vi diranno: Eccolo là, o: eccolo qua; non andateci, non seguiteli.
Perché come il lampo, guizzando, brilla da un capo all'altro del cielo, così sarà il Figlio dell'uomo nel suo giorno.
Ma prima è necessario che egli soffra molto e venga ripudiato da questa generazione». 

 

 

Il Regno di Dio è in mezzo a noi!
Ma è proprio sicuro Gesù? Non è che si è sbagliato? Forse l'ha sparata un po' grossa!
Solo le cose che ci balzano nella testa a sentire questa sua affermazione, perchè sembra di vedere proprio di tutto nel mondo, ma non la realizzazione del Regno di Dio.
Forse però non  è perchè non c'è, ma perchè preferisco non vederlo, è molto più comodo così!
Vivere e contribuire al Regno è molto impegnativo, mi chiedo di cambiare vita totalmente, di cambiare modo di relazionarmi con tutti.
Come nella prima lettore dove Paolo chiede a Filemone di non essere più padrone, ma di riaccogliere il suo schiavo come fratello, perchè anche lui cristiano.
In fondo, in fondo, non lo vogliamo mica il Regno di Dio, troppi impegni, troppa fatica.... Vorrebbe dire accogliere tutti i fratelli che migrano, aiutare tutti quelli che sono nel bisogno anche tossicodipendenti ed alcolizzati, ri-accogliere chi ha commesso reati, rinunciare alla guerra, alle armi e vivere la pace.
Ma il Regno di Dio è già qui e per quanto ci proveremo non riusciremo a fermarlo, conviene fermarsi, provare a cambiare direzione, ed iniziare ad usare il cuore.

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento