Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

lunedì 7 novembre 2016

Lunedì 7 Novembre

Dal Vangelo secondo Luca 17,1-6. 

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «E' inevitabile che avvengano scandali, ma guai a colui per cui avvengono.
E' meglio per lui che gli sia messa al collo una pietra da mulino e venga gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno di questi piccoli.
State attenti a voi stessi! Se un tuo fratello pecca, rimproveralo; ma se si pente, perdonagli.
E se pecca sette volte al giorno contro di te e sette volte ti dice: Mi pento, tu gli perdonerai».
Gli apostoli dissero al Signore:
«Aumenta la nostra fede!». Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granellino di senapa, potreste dire a questo gelso: Sii sradicato e trapiantato nel mare, ed esso vi ascolterebbe». 

 



Ahia! Che botta anche oggi che mi da Gesù!
"Guai a colui per cui avvengono scandali"
Non è lo scandalo a cui siamo abituati a pensare, il gossip, ma è l'inciampo quello che ostacola il cammino. Guai a chi ostacola il cammino verso il Signore!
Quante volte io sono stato un ostacolo nel cammino di fede di un fratello? Quante volte qualcuno vedendo la mia vita, non ha provato attrazione verso Gesù, ma diffidenza?
L'ho già citato una volta, Papa Francesco in un incontro ai religiosi disse che "le persone si convertono per attrazione e non per proselitismo".
Se la mia testimonianza è credibile, tutti ne sono inevitabilmente coinvolti.
Se un tuo fratello pecca sette volte al giorno contro di te e sette volte ti dice: Mi pento, tu gli perdonerai.
Altra botta colossale! Perchè il perdono che mi chiede non è lassismo, o lasciar perdere, o quieto vivere; si chiama amore, vero, concreto!
Una volta, a dei ragazzi ho detto che una persona che ci ha ferito non deve sentirsi da noi solo perdonata, ma perdo-Amata. Cambia tutto, non è la stessa cosa.
Dirlo a parole è davvero facile, spero che il Signore mi insegni a viverlo!

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento