Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 23 novembre 2016

Mercoledì 23 Novembre

Dal Vangelo secondo Luca 21,12-19.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e a governatori, a causa del mio nome.
Questo vi darà occasione di render testimonianza.
Mettetevi bene in mente di non preparare prima la vostra difesa;
io vi darò lingua e sapienza, a cui tutti i vostri avversari non potranno resistere, né controbattere.
Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e metteranno a morte alcuni di voi;
sarete odiati da tutti per causa del mio nome.
Ma nemmeno un capello del vostro capo perirà.
Con la vostra perseveranza salverete le vostre anime». 

 

 

 

"Questo vi darà occasione di render testimonianza."
Certo il contesto oggi è cambiato. Qui Luca scriveva il suo Vangelo durante un periodo di persecuzioni nei confronti dei cristiani.
Quello di cui scrive ci sembra lontano, ma purtroppo anche oggi ci sono dei fratelli chiamati a testimoniare con il sangue il loro essere cristiani.
Io qui in Italia sono tranquillo, al sicuro, ma non da meno sono chiamato a "render testimonianza".
Forse non sono chiamato a testimoniare con il sangue, ma mi è chiesto di testimoniare con credibilità.
Il Signore mi invita ad essere un testimone credibile della sua Parola.
Che testimone sono se annuncio il Vangelo con tristezza come se fosse una tragedia? o se lo annuncio ma vivo nel lusso? o se per una parola subito mi arrabbio ed "attacco"? o se incontro un fratello bisognoso per strada lo evito come fosse un pericolo?
Credo sia questa la testimonianza che il Signore mi chiede e spesso mi rendo conto di quanto impegnativo sia e quanto io sia inadeguato e lontano dal potermi definire cristiano.
Per fortuna c'è la sua grazia!

Buona giornata!

Nessun commento:

Posta un commento