Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

mercoledì 9 novembre 2016

Mercoledì 9 Novembre Dedicazione della Basilica Lateranense

Dal Vangelo secondo Giovanni 2,13-22.

Si avvicinava intanto la Pasqua dei Giudei e Gesù salì a Gerusalemme.
Trovò nel tempio gente che vendeva buoi, pecore e colombe, e i cambiavalute seduti al banco.
Fatta allora una sferza di cordicelle, scacciò tutti fuori del tempio con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiavalute e ne rovesciò i banchi,
e ai venditori di colombe disse: «Portate via queste cose e non fate della casa del Padre mio un luogo di mercato».
I discepoli si ricordarono che sta scritto: Lo zelo per la tua casa mi divora.
Allora i Giudei presero la parola e gli dissero: «Quale segno ci mostri per fare queste cose?».
Rispose loro Gesù: «Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere».
Gli dissero allora i Giudei: «Questo tempio è stato costruito in quarantasei anni e tu in tre giorni lo farai risorgere?».
Ma egli parlava del tempio del suo corpo.
Quando poi fu risuscitato dai morti, i suoi discepoli si ricordarono che aveva detto questo, e credettero alla Scrittura e alla parola detta da Gesù. 

 

 

Il tempio non è più un edificio fisico, ora il tempio è Gesù, il Suo Corpo!
Per me è molto bello vedere tutta l'umanità di Gesù, che prorompe contro chi tenta di "far passare" per devozione o fede, quelli che sono interessi personali ed economici.
Lui ribalterà completamente questa modalità con la croce, essa è esattamente l'opposto dell'interesse personale, è totale donazione.
Anche la Resurrezione sarà un segno tangibile che il Suo Corpo è il tempio che dobbiamo adorare, lo fa capire Lui stesso quando dice:  
"Distruggete questo tempio e in tre giorni lo farò risorgere"
Dice "risorgere" non ricostruire! Chiaramente sta indicando la sua futura Resurrezione.
Questo brano ci è donato oggi per ricordare la dedicazione della Basilica di San Giovanni in Laterano, cattedra del Papa. Oggi Gesù ci dice che egli stesso è la Basilica, e noi con Lui.
Mi viene in mente quando un giovane chiese a Don Tonino Bello la differenza tra Basilica Maggiore e Basilica Minore e lui rispose:
"Vedi, Basilica Minore è quella fatta di pietre. Basilica Maggiore è quella fatta di carne. L’uomo, insomma. Basilica Maggiore sono io, sei tu! Basilica Maggiore è questo bambino, è questa vecchietta, è il povero ubriaco che incontro davanti all'episcopio"
Devo imparare a prendermi più cura delle Basiliche Maggiori!

Buona giornata!! 

Nessun commento:

Posta un commento