Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 12 novembre 2016

Sabato 12 Novembre

Dal Vangelo secondo Luca 18,1-8.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai:
«C'era in una città un giudice, che non temeva Dio e non aveva riguardo per nessuno.
In quella città c'era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: Fammi giustizia contro il mio avversario.
Per un certo tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: Anche se non temo Dio e non ho rispetto di nessuno,
poiché questa vedova è così molesta le farò giustizia, perché non venga continuamente a importunarmi».
E il Signore soggiunse: «Avete udito ciò che dice il giudice disonesto.
E Dio non farà giustizia ai suoi eletti che gridano giorno e notte verso di lui, e li farà a lungo aspettare?
Vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?». 

 

 

 Nel brano che la Liturgia  oggi ci offre mi colpiscono, in particolare, due passaggi.

 "la necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai"
E' una richiesta impegnativa!
Forse Gesù non vuole dirmi di pregare 24 ore su 24, ma mi invita alla fedeltà nella preghiera anche quando, apparentemente, sembra non portare frutto.
Quante volte mi scoraggio, abbandono la preghiera, perchè non vedo una realizzazione delle mie richieste!
Quel "senza stancarsi mai" mi invita a perseverare, ed a comprendere che non è inascoltata, ma forse il Signore sa che la mia richiesta non corrisponde al mio bene o a quello dei fratelli.
Poco dopo è chiaro su questo punto: se quel giudice cattivo e disonesto ascolta la vedova per la sua insistenza, vuoi che il Padre che è buono non ascolti  i suoi figli?
Un altro passaggio che mi interroga è la richiesta della vedova:
 "Fammi giustizia"
Questa frase è "inflazionata" in questo brano, ritorna ben 4 volte!
La richiesta di questa vedova è leggitima, non chiede nessun favore personale, anzi la sua richiesta è in linea con una delle beatitudini pronunciate da  Gesù!
Ed allora mi domando: Io cosa chiedo al Signore? le mie richieste sono evangeliche o solo per interesse personale?

Buona giornata e buon fine settimana!

Nessun commento:

Posta un commento