Perchè questo blog?

Questo blog non vuole offrire un commento esegetico al Vangelo. per quello ci sono siti o blog più belli con commenti di importanti biblisti.
Vuole essere semplicemente un piccolo spazio per poter condividere assieme la Parola che ogni giorno ci viene donata.
Come a tavola vogliamo spezzarla assieme, perciò è bello ed utile anche per gli altri che ognuno possa condividere quello che il Signore gli ha suscitato nel cuore.
Quindi dopo aver letto il brano di Vangelo, fermati e donaci la tua condivisone,utilizzando i commenti (li trovi in fondo ad ogni post, se c'è scritto nessun commento rompi il ghiaccio!).
La Parola non è generica, ma parla ad ognuno di noi, proprio oggi, nella nostra situazione di vita.
Facciamola vivere in noi!

sabato 19 novembre 2016

Sabato 19 Novembre

Dal Vangelo secondo Luca 20,27-40. 

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni sadducei, i quali negano che vi sia la risurrezione, e gli posero questa domanda:
«Maestro, Mosè ci ha prescritto: Se a qualcuno muore un fratello che ha moglie, ma senza figli, suo fratello si prenda la vedova e dia una discendenza al proprio fratello.
C'erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli.
Allora la prese il secondo
e poi il terzo e così tutti e sette; e morirono tutti senza lasciare figli.
Da ultimo anche la donna morì.
Questa donna dunque, nella risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l'hanno avuta in moglie».
Gesù rispose: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito;
ma quelli che sono giudicati degni dell'altro mondo e della risurrezione dai morti, non prendono moglie né marito;
e nemmeno possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, essendo figli della risurrezione, sono figli di Dio.
Che poi i morti risorgono, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando chiama il Signore: Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe.
Dio non è Dio dei morti, ma dei vivi; perché tutti vivono per lui».
Dissero allora alcuni scribi: «Maestro, hai parlato bene».
E non osavano più fargli alcuna domanda. 

 

 

 Quanti inutili, sterili legalismi!
Invece di gioire per un Dio che non vuole lasciarci nelle mani della morte donandoci la resurrezione, c'è chi si impegna a creare i casi più impossibili perchè diffidente.
E ci capita anche oggi.
Quante volte mi fermo a ragionare per ore, su un "se però ..." o un "ma...." o un "metti il caso che...".
L'amore non può essere ragionato, l'amore quello vero è totalmente irragionevole. Figuriamoci poi l'amore di un Padre che non vuole lasciare i suoi figli nelle braccia della morte, ma li riaccoglie a nuova vita.
"Dio non è Dio dei morti, ma dei vivi; perché tutti vivono per lui"
No, non lo è proprio e non lo sarà mai il Dio dei morti, nonostante a volte io faccio di tutto per non rendermene conto.
Non mi resta che gioire scoprendo di essere avvolto nel caldo abbraccio del Padre della vita.

Buona giornata e buon fine settimana!

Nessun commento:

Posta un commento